spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chiant’Arte: inaugurata la mostra collettiva di opere dedicate alla donna (in Comune e in biblioteca)

    Visibili fino a sabato 11 marzo. Tante le iniziative organizzate dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio per celebrare la Giornata internazionale dei diritti delle donne

    GREVE IN CHIANTI – Pittura, musica, teatro, cinema. I volti dell’universo femminile espressi, rappresentati attraverso i diversi linguaggi dell’arte e della comunicazione visiva.

    E’ la proposta del Comune di Greve in Chianti che, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ha allestito una rosa di eventi culturali che si alterneranno tra gli spazi pubblici del capoluogo e delle frazioni.

    L’omaggio al mondo della donna si apre nel segno dell’arte con l’esposizione di una collettiva di pittura all’interno del palazzo comunale e tra gli scaffali della biblioteca comunale “Carlo e Massimo Baldini”.

    Sono complessivamente ventiquattro le opere, realizzate dai dodici artisti del gruppo Chiant’Art che arricchiscono e incorniciano il carnet delle iniziative dedicate alla dimensione femminile, visitabili fino a sabato 11 marzo.

    Accomunati dall’obiettivo di condividere esperienze e percorsi artistici gli autori e le autrici della collettiva hanno offerto ciascuno, usando stili e tecniche diverse, una propria interpretazione del tema femminile.

    Chiant’Art in biblioteca

    “Una bellissima mostra che con i colori e le forme dell’arte fa respirare e rende libere le donne in modo universale – dichiara il vicesindaco Giulio Saturnini – la rete culturale attivata da Chiant’Arte, che pone in primo piano il talento e la creatività del nostro territorio, è una risorsa ed  un tassello importantissimo di cittadinanza attiva”.

    “Un’espressione di consapevolezza – prosegue – sulla necessità di utilizzare l’arte come strumento di valorizzazione e di comunicazione dei diritti umani, ci auguriamo che questa collaborazione sia la prima di un lungo cammino da condividere”.

    Gli artisti sono Anna Auzzi, Silvia Auzzi, Gianni Bandinelli, Paola Becucci, Maria Giovanna Bencistà, Sabine Blomqvist, Alfredo Correani, Alessandro Dini, Carlo Fagiani, Alberto Forconi, Lara Francini, Maria Grazia Tapinassi.

    Chiant’Art in palazzo comunale

    Il programma di eventi, organizzato in collaborazione con le associazioni, i circoli e le attività economiche del territorio, prosegue domenica 5 marzo al Teatro del Ferrone del circolo Arci con l’aperitivo in musica e parole “Una canzone per te”.

    L’iniziativa a cura della classe di canto moderno della scuola di musica di Greve in Chianti avrà inizio alle ore 19.

    Nella Giornata internazionale dedicata ai diritti delle donne, mercoledì 8 marzo alle ore 17, sarà inaugurata una panchina rossa in piazza Garibaldi a San Polo in Chianti.

    E’ la Coop di San Polo a promuovere l’iniziativa con l’obiettivo di contrastare la violenza sulle donne e lasciare sul territorio una traccia concreta che segnali e ricordi i tantissimi posti vuoti lasciati dalle donne, vittime di femminicidio, che non ci sono più.

    A tutti i partecipanti sarà offerto un aperitivo presso il bar ristorante Sotto l’Arco.

    Dalle 18 sarà la Società Mutuo Soccorso L’Unione San Polo a proporre un cineforum dedicato alle donne seguito da un dibattito alle ore 20.30 e da una cena presso la casa del popolo. Prenotazioni: 0558550155.

    Sabato 11 marzo, alle ore 21.15, ultimo appuntamento del programma, è lo spettacolo teatrale “Il piacere”, interpretato e messo scena dalla Compagnia teatrale dell’Elce sul palcoscenico della sala Oasis della casa del popolo di Greve in Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...