spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I funerali del Barone di Sezzate il 16 marzo a Vienna: sarà possibile seguirli anche online

    "Giovanni" Weidinger è scomparso nel suo castello grevigiano il 24 febbraio scorso: le esequie in Austria saranno visibili collegandosi a un link su YouTube

    GREVE IN CHIANTI –  Il 24 febbraio scorso moriva, nel suo Castello di Sezzate, Hans Ernst (conosciuto come “Giovanni” in territorio grevigiano) Weidinger.

    La scomparsa del Barone di Sezzate ha lasciato profonda amarezza in tanti che, a Greve in Chianti, hanno avuto il piacere e la fortuna di conoscerlo.

    Moltissimi i riconoscimenti pubblici, l’affetto espresso sia da parte delle istituzioni, sia da privati cittadini.

    L’addio al Barone di Sezzate Giovanni Weidinger, il saluto di Marco Hagge: “Un vero grande amico della comunità”

    Addio al Barone di Sezzate. Il sindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani: “Viene meno uno di noi”

    E’ scomparso il Barone di Sezzate, Hans Ernst Weidinger: è stato un mecenate per il territorio grevigiano

    Conosciuto e apprezzato a Greve in Chianti, dove già da molti anni era stato nominato cittadino onorario.

    Mecenate, appassionato sostenitore di iniziative legate all’identità locale e alla cultura.

    Anche per questo motivo i familiari hanno deciso di agevolare tutti coloro che dall’Italia, e in particolare da Greve in Chianti, vorranno seguire le sue esequie.

    Fissato per giovedì 16 marzo, alle ore 16, a Vienna, in Austria.

    Chi vorrà infatti parteciparvi, pur da lontano, potrà farlo collegandosi in diretta su YouTube a questo link.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

     

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...