spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le opere di Francesco Battaglini: un classe ’81 di Bagno a Ripoli che ha stupito a Greve in Chianti

    Si chiude oggi il suo periodo in mostra nello showroom della Fonderia Del Giudice: siamo andati a conoscerlo mentre era all'opera, e a farcelo raccontare da Sarah Del Giudice

    GREVE IN CHIANTI – Per il ciclo di esposizioni di artisti, scultori, che espongono ed esporranno le loro opere presso lo show room della Fonderia del Giudice, in piazza Matteotti 5 a Greve in Chianti, siamo andati a conoscere il primo artista, Francesco Battaglini (in mostra fino ad oggi, domenica 1 maggio), mentre realizzava una sua opera in “live show”.

    “Francesco Battaglini, classe 1981, di Bagno a Ripoli, è uno scultore che a me piace definire di altri tempi” con queste parole inizia la descrizione di Francesco, da parte di Sarah Del Giudice.

    “Perché è uno scultore che ha studiato tanto e tutte le materie necessarie – aggiunge – Riesce a padroneggiare bene ogni aspetto dell’arte scultorea e della trasformazione dei metalli, in particolare il bronzo, tanto che può insegnare ad altri”.

    “Attualmente – prosegue Sarah – il suo percorso artistico vede tante opere importanti in giro per la Toscana. Le più riconoscibili per noi possono essere il Pinocchio a Grassina, una scultura chiamata “Fortezza” vincitrice del concorso pubblico “Arti nParco” e situata nel Parco pubblico di Via Bikila. Oppure il Busto del Cardinale Elia dalla Costa, esposto proprio nella piazza a lui intestata”.

    “Ma sono tante le sue opere che già arricchiscono le piazze della nostra Toscana – conclude Sarah – a dimostrazione che il suo lavoro è importante. E che riesce a trasmettere quelle sensazioni che dall’arte scultorea ci si aspetta”.

    Sarah Del Giudice

    “Dopo il Liceo Artistico, ho fatto l’Accademia delle Belle Arti, a Firenze e a Carrara – si racconta Francesco – Grazie al professore di scultura ho partecipare a vari simposi in giro per l’Italia, e alla realizzazione di sculture monumentali”.

    “Dalla pietra poi mi sono spostato verso il bronzo – aggiunge – per la malleabilità del metallo e per il minor peso delle opere concluse”.

    “Grazie alla Fonderia del Giudice – prosegue – ho potuto perfezionare la mia tecnica ed imparare da dei maestri del mestiere. Durante il lockdown, per combattere la solitudine che mi aveva travolto, ho pensato al progetto “Gente””.

    Si tratta, ci racconta ancora, di “una serie di 100 ritratti, a figura intera, in bronzo o gesso colorato, che andranno poi a raffigurare una piazza piena di persone. Una piazza come centro di socialità e commercio, fulcro della vita dei nostri paesi”.

    “Chiunque può partecipare a questo progetto – spiega – Al momento ho fatto una ventina di ritratti, che potete vedere presso lo show room, ma tanti ancora ne devono essere fatti e sto cercando nuovi soggetti”.

    “Immaginate – sottolinea – di essere tramandati per millenni grazie al bronzo, potrebbe essere uno splendido regalo o un grande impegno per l’arte di coloro che varranno”.

    “Contattatemi tramite la Fonderia del Giudice, oppure tramite Instagram sul mio profilo – conclude Francesco – non siate timidi, trasformatevi in un’opera d’arte”.


    📅 Dal 21 maggio le opere di Fulvio Pratesi

    📅 Dal 18 giugno le opere di Carlo Fagiani

    📅 Dal 9 luglio le opere di Tommaso Bartoloni


    🏭 Sede: via di Meleto 2, Strada in Chianti

    📍 Show-room: piazza Matteotti 5, Greve in Chianti

    💻 Sito web: www.fonderiadelgiudice.com

    📱 Pagina Facebook: https://www.facebook.com/fonderiaartisticadelgiudiceleonardo

    📨 Mail: info@fonderiadelgiudice.com

    📞Telefono: 0558588893

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...