spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / “L’appello di artisti da tutto il mondo per salvare La Macina di San Cresci”

    L'associazione diffonde il video in cui artisti di tutto il mondo si "spendono" a favore del progetto di Duccio Trassinelli e Mimma Verduci

    GREVE IN CHIANTI – “Dall’Australia, Stati Uniti, Hong Kong, Italia, Francia, Argentina: tante sono le voci che si sono alzate a sostegno de La Macina di San Cresci, nel video ne sono state  raccolte alcune”.

    E’ l’associazione stessa, con Duccio Trassinelli e Mimma Verduci in testa, in pieno “braccio di ferro” la la Diocesi di Fiesole e la parrocchia di Greve in Chianti per restare nella Pieve di San Cresci, a diffonderlo.

    “Sono la testimonianza – dicono da La Macina – di quanto, negli anni, questo centro culturale è diventato noto e ha dato agli  artisti un’esperienza indimenticabile, permettendo loro  di crescere sia a livello professionale che personale”.

    “Un’esperienza possiamo dire a “tutto tondo” – rivendicano – perché non solo essi si dedicano e sviluppano i propri progetti, ma interagiscono con la comunità locale”.

    “Fanno parte dell’esperienza – ricordano – le visite ai tanti artigiani locali dove gli artisti ospiti apprendono e apprezzano la creatività e l’artigianalità del nostro territorio, tra questi la Fonderia del Giudice, le Fornaci di Impruneta, i maestri cestai e i fabbri”.

    “Negli anni – spiegano ancora da La Macina – sono stati creati dei bandi ed  erogate borse di studio agli artisti selezionati, sono state realizzate mostre di artisti provenienti da Paesi disagiati per dare loro un’opportunità di crescita, sono state organizzate aste a favore di Medici per la Pace e la Missione Cattolica in Laos”.

    “Oggi – concludono – La Macina di San Cresci deve far fronte alle spese legali per combattere contro la sua distruzione, denaro che avrebbe potuto essere destinato certamente a dei fini più nobili: accogliere artisti meritevoli o mantenere un immobile storico che costantemente necessita di cure”.

    # Pieve San Cresci: “Sospesa l’ordinanza di rilascio provvisorio. Il centro culturale vivrà ancora”

    # Lettera da Greve in Chianti: “E’ crollata una parte della volta della chiesa di San Cresci”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...