spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Avvicinato da una donna in centro a Tavarnuzze con la scusa di sapere dove è la chiesa: derubato

    Una volta arrivato a casa, l'anziano si è accorto che al polso non aveva più l'orologio. Fate molta attenzione su tutto il territorio, sono malviventi che si muovono rapidamente

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Brutto episodio nella mattinata di oggi, lunedì 17 agosto, a Tavarnuzze.

    Un anziano, andato a fare la spesa al supermercato Coop, al ritorno (vicino alla piazza) è stato avvicinato da una donna (pare che potesse essere sudamericana) con la scusa di chiedere informazioni su dove fosse la chiesa del paese.

    Ha afferrato il braccio dell’uomo in modo molto, troppo confidenziale. Quel braccio al cui polso l’uomo aveva un orologio che, una volta arrivato a casa, era sparito.

    Un tecnica purtroppo consolidata, che anche stavolta ha avuto l’esito sperato da parte della malvivente.

    Varie sono le modalità di avvicinamento fra donna e anziano, a volte anche con “avances” più o meno spinte. Stavolta è stata utilizzata quella più tranquillizzante a “tema religioso”.

    All’uomo e ai suoi familiari non è rimasto altro da fare se non avvisare i carabinieri.

    C’è quindi da prestare molta attenzione, non solo a Tavarnuzze, Impruneta o nelle frazioni imprunetine.

    Ma anche nei comuni limitrofi: in questi casi infatti le malviventi si muovono rapidamente su tutto il territorio, cercando di mettere a segno più colpi possibili.

    Quindi, se avete persone anziane che escono di casa, e in particolare uomini, avvisateli e fate in modo che stiano molto attenti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...