spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, alba di sabato 30 luglio: una donna, scalza, chiede aiuto in piazza Buondelmonti…

    Indagini per presunta violenza sessuale di gruppo: ricostruiamo gli attimi in cui la 35enne, turista canadese, è uscita dal locale dove era con i 4 uomini indagati. Per cercare aiuto

    IMPRUNETA – Non si parla d’altro a Impruneta (e non solo) da martedì 2 agosto.

    Da quando, sul Gazzettino del Chianti, abbiamo dato la notizia delle indagini in corso per una presunta violenza sessuale di gruppo all’interno di un locale in piazza Buondelmonti, a Impruneta.

    # Impruneta-choc: indagini in corso per una presunta violenza sessuale di gruppo ai danni di una 35enne

    # Turista (canadese) violentata a Impruneta: ci sarebbe anche un video girato su un telefonino

    # Presunto stupro di gruppo, il vicesindaco Matteo Aramini: “Impruneta non è questo, è ben altro”

    # Impruneta, alba di sabato 30 luglio: una donna, scalza, chiede aiuto in piazza Buondelmonti…

    Mentre proseguono le indagini, che si stanno concentrando sulla situazione psicofisica della donna (che, pare, avesse un tasso alcolemico importante, e quindi non fosse in grado di prendere decisioni lucide) e sul ruolo svolto da ciascuno dei quattro indagati, siamo andati a ricostruire cosa è avvenuto all’alba di quel sabato 30 luglio.

    E’, come ogni sabato, giorno di mercato in piazza Buondelmonti. Sono più o meno le 6 di mattina quando dalla “Commenda”, la parte alta della piazza, scende verso il basso una donna.

    “Sembrava sulla quarantina” dirà chi l’ha soccorsa in quei primi momenti. In realtà, di anni ne ha 35. E’ scalza. Parla solo inglese (è canadese).

    Si rivolge a uno dei banchi di ortolano, che stanno allestendo l’esposizione di frutta e verdura in vista della giornata lavorativa.

    Sono loro, gli ambulanti, i primi a soccorrerla. E a chiamare subito i carabinieri.

    Poi viene portata nel bar nella zona bassa della piazza. Dove la fanno sedere, le porgono un bicchiere d’acqua.

    Arrivano i carabinieri. Che chiamano i soccorsi medici.

    C’è da recuperare gli effetti personali nell’alloggio della donna. Che poi deve essere portata in ospedale per tutti gli accertamenti medici e tossicologici.

    Le indagini partono immediatamente, mentre la 35enne viene trasferita in ospedale. E l’Impruneta si risveglia in un incubo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...