spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le Rose, la Cooperativa replica alla Asl: “Mai data la certezza di rientrare una volta finiti i lavori”

    "Disponibili a riaprire in tempi celeri un tavolo di trattativa a cui invitiamo a partecipare anche la Regione Toscana". Silvia Noferi (M5S): "Posizione della Asl è assurda"

    IMPRUNETA – “La Cooperativa sociale Le Rose già da ieri, lunedì 26 aprile, ha ridotto lo spazio delle sue attività, chiudendo all’accesso di ospiti ed operatori il corpo centrale della struttura oggetto della perizia dell’Asl, occupando quegli spazi che erano stati indicati come utilizzabili anche nel protocollo di coprogettazione”.

    Arriva a stretto giro la risposta della Cooperativa alla prima presa di posizione pubblica sulla questione da parte della Asl Toscana Centro, arrivata ieri, lunedì 26 aprile.

    # Cooperativa Le Rose, la versione della Asl: “Rifiutate le proposte. E non riconsegnate le chiavi”

    # Impruneta, le opposizioni: “Chiusura della Cooperativa Le Rose è una sconfitta per tutti”

    # “La Asl si accorge dopo trent’anni che i locali della Cooperativa Le Rose non sono a norma?”

    # Cooperativa Le Rose: “Chiudiamo noi. In attesa di una perizia super partes sull’immobile”

    # Il grido di dolore della cooperativa Le Rose: “Se verremo chiusi sarà una perdita per tutto il territorio”

    “Con questa decisione – sottolineano – vogliamo garantire la prosecuzione del piano terapeutico ed educativo dei nostri ospiti: la questione che più ci sta a cuore”.

    “Siamo felici – rimarcano – che l’amministrazione dell’Asl concordi con la Cooperativa Le Rose l’intento di non voler disperdere il patrimonio educativo e sociale che rappresenta questa esperienza per il territorio”.

    Poi, però, sostengono che “durante la trattativa non ci è mai stata proposta chiaramente la certezza di poter rientrare nella struttura una volta terminati i lavori ed anche l’entità degli interventi di una messa a norma necessaria e i tempi di quest’ultimi non sono mai stati definiti in modo chiaro”.

    “Queste – aggiungono – sono per noi garanzie necessarie che devono essere chiarite per poter continuare a svolgere il nostro lavoro di accoglienza di ospiti diversamente abili e garantire la prosecuzione del progetto educativo”.

    “Siamo disponibili – annunciano in conclusione – a riaprire in tempi celeri un tavolo di trattativa a cui invitiamo a partecipare anche la Regione Toscana da sempre sensibile alle tematiche della disabilità e dell’inclusione”.

    Silvia Noferi (M5S): “Farò un accesso ufficiale agli atti”

    Ci va invece più pesante Silvia Noferi, consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, che ha visitato nei giorni scorsi la struttura e che ha preannunciato una mozione in consiglio regionale.

    “Si continua a gettare discredito sulla Cooperativa Le Rose – dice – nelle dichiarazioni rilasciate dalla Asl agli organi di stampa”.

    “Quali sarebbero le proposte fatte alle Cooperativa? – incalza – Ho controllato personalmente tutta la corrispondenza che mi è stata gentilmente messa a disposizione dal presidente Ferrara ma non ho trovato nulla di concreto. Farò un accesso agli atti ufficiale per avere copia della proposta che la Cooperativa avrebbe rifiutato”.

    Il sopralluogo di Silvia Noferi alla Cooperativa Le Rose

    “Non si può intimare – dice ancora – ad una associazione che si occupa di persone fragili semplicemente: “Andate via e datemi le chiavi”. Forse questi dirigenti non hanno idea di cosa voglia dire organizzare materialmente le attività e la mole di attrezzature, opere, documenti che la Cooperativa Le Rose ha accumulato e prodotto in questi trent’anni. Dove dovrebbero trasferire tutto il materiale?”.

    “Si tratta di una memoria storica imponente – conclude – che non può essere gettata via. La Cooperativa Le Rose è fatta da operatori ragionevoli e competenti che non sono contrari a trovare una soluzione solo che non essendo “ripresi dalla piena”, vogliono vedere le proposte per iscritto prima di consegnare le chiavi, ed io con loro”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua