spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il candidato (Calamandrei) ufficializza: “Se divento sindaco, Joele il mio vice”

    "Abbiamo messo in comune le nostre forze per dare ai cittadini di Impruneta la possibilità di una scelta che guardi al futuro e non più al passato. A noi interessa la nostra comunità, la sua gente, i loro bisogni. Impruneta è il nostro Bene Comune che  Insieme ci candidiamo a governare per consentire a tutti voi, con noi, di accendere una nuova speranza".

     

    A dirlo congiuntamente solo Alessio Calamandrei (in foto a sinistra), candidato alle primarie del Partito democratico del 7 aprile (suo avversario sarà Marco Pistolesi) e Joele Risaliti (in foto a destra), l'ex "terzo incomodo" delle consultaioni che con una mossa a sorpresa si è defilato dalla competizione per la candidatura a sindaco dando il suo appoggio a proprio a Calamandrei.

     

    Una decisione che ha scombussolato tutta la politica imprunetina e in particolare il mondo del Partito democratico, che da mesi vive turbolenze e lacerazioni. Una nota, quella diffusa dai due, che ufficializza defitinivamente (caso mai ce ne fosse stato bisogno) che se Calamandrei vince le primarie e le elezioni, avrà Risaliti come vicesindaco. Lo stesso aveva fatto Pistolesi sul Gazzettino nei giorni scorsi, annunciando che se il percorso "netto" sarà suo, il suo vice sarà Francesca Buccioni (clicca qui per leggere l'intervista).
     

    "A tutte quelle persone che credono in noi – dicono Calamandrei e Risaliti – che sono venute a parlarci, vi chiediamo di non perdere la speranza di una Impruneta diversa, dove gli amministratori sono fra la gente, dove si affrontano i temi legati all'edilizia scolastica con tempi certi e non lasciando che le nostre scuole diventino scolapasta, dove la Fornace Agresti sia oggetto di un piano di gestione economica e finanziaria, dove per la piazza Buondelmonti non si partecipi ad un bando vincendo 500.000 euro che molto probabilmente saremo costretti a restituire, dove il lavoro ed i nuovi bisogni siano il nostro orizzonte di riferimento".
     

    "Molte sono le questioni che dobbiamo affrontare per il futuro del nostro paese – dicono annunciando il loro "ticket" – Se vogliamo cambiare, dobbiamo farlo partendo dalle persone. E noi stiamo realmente cambiando e cambiando Insieme. Un  sindaco, Alessio Calamandrei, che conosce la macchina amministrativa, ma non ha ancora amministrato,  ed un Vicesindaco, Joele Risaliti, che ha già dimostrato di saper fare la scelta utile per  la comunità e che sicuramente avvicinerà i più giovani alla politica attiva. Per questo pensiamo che la nostra sia una scelta vincente. Siamo convinti che insieme possiamo farcela".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua