lunedì 13 Luglio 2020
Altre aree

    Seguire i figli con la App sullo scuolabus? Per me è una follia. Anzi, come direbbe Fantozzi…

    Le amministrazioni comunali di Bagno a Ripoli e Impruneta stanno presentando in questi giorni, anche tramite incontri con i genitori, il nuovo gestore del servizio di trasporto scolastico.

    Ponendo l’accento in maniera particolare su una novità introdotta da chi ha preso in appalto il trasporto dei bambini presso le scuole primarie e secondarie in questi comuni: la possibilità di scaricare una App gratuita che ti permette di seguire tuo figlio nel tragitto.

    “Grazie alle notifiche push – si legge nella comunicazione ufficiale del Comune di Bagno a Ripoli – i genitori saranno avvisati in tempo reale a mezzo notifica: quando lo scuolabus sta per arrivare alla fermata; quando l’alunno sale a bordo; quando l’alunno arriva a destinazione”.

    Insomma, invece che lavorare con costanza sulla conoscenza di pulministi e accompagnatori da parte della comunità scolastica, insieme ad avere regole ben precise (ad esempio sugli orari, che so, se non si arriva puntuali si rimane a piedi), si fornisce l’ennesimo “surrogato informatico” che non fa altro che dare ulteriore benzina alle ansie, molto spesso immotivate, di noi genitori.

    Non siamo più in grado di delegare con fiducia, sia che abbiamo davanti un insegnante, un pulminista, un istruttore di una società sportiva. Vogliamo sempre sapere, sapere, sapere… . Ma sapere cosa?

    Serve qualità nel personale, buon lavoro (inteso come formazione e contratti), rispetto delle regole e dei ruoli. Invece si va in direzioni che, personalmente, trovo grottesche.

    Genitori ansiosi per figli ansiosi. Tutti sulla App.

    PS: Sogno un genitore che, a uno di questi incontri di presentazione della App, faccia come Fantozzi alla fine della Corazzata Potemkin… .

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...