venerdì 7 Agosto 2020
Altre aree

    Violenza sulle donne: 4 giorni dopo la pittura della panchina rossa il risultato è eloquente

    No, secondo me non è un caso che dietro alla panchina dipinta in rosso, venerdì 23 novembre scorso, nei giardini di piazza della Repubblica a San Casciano, in occasione degli eventi organizzati nell’ambito della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, sia comparso quel bel “graffito” che vedete in foto sopra.

    Nell’immediata vicinanza, in rosso, dietro a un simbolo della battaglia contro la violenza sulle donne.

    Che dire. Che a un simbolo costruttivo si risponde con un simbolo distruttivo. maleducato. Da vandali. Forse anche qualcosa di peggio.

    Mi rivolgo ai genitori: se avete figli che frequentano il paese fategliela una domanda. Se avete il sospetto che possano essere stati loro parlateci, con amore ma anche con fermezza. E fatevi avanti in Comune: si rimedia ripulendo, mettendoci la faccia. Capita di sbagliare, ma è bene stoppare subito. Far capire l’errore.

    E se vi sentite rispondere: “Ma non era rivolto alla panchina…” fa lo stesso. Guardate le altre foto. Guardate come vengono ridotti i giardini del Piazzone (e siamo sicuri che non siano solo ragazzini e ragazzine a conciarlo così, sia chiaro).

    In alcuni casi ci mette del suo anche chi dovrebbe mantenerli: ma la maggior parte della responsabilità è soprattutto dei frequentatori. Scritte ovunque, panchine con le sedute divelte, sporcizia lasciata in giro, luci incassate nel muro prese presumibilmente a calci, … .

    E voglio essere politicamente scorretto, ma quando ci vuole ci vuole: quel “graffito” lasciato in rosso sulle mura del Piazzone qualcuno, probabilmente, ce l’ha in testa.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino