mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    FOTO / Ecco qual è il pino che si è schiantato in mezzo ai giardini del Piazzone, a San Casciano

    Prima dell'ultimo restyling del Piazzone, era circondato da tre panchine. "Le tre panchine": le chiamavano così i ragazzi che a cavallo degli anni Novanta e Duemila si riunivano lì sotto

    SAN CASCIANO – Era capitato che venisse transennato per la caduta dei rami il pino che nella tarda serata di ieri, mercoledì 29 luglio, si è schiantato al solo nel cuore dei giardini di piazza della Repubblica, nel Piazzone.

    # Crolla un pino nei giardini del Piazzone: panico nel cuore di San Casciano. Un uomo travolto

    # Il giorno dopo: le immagini del gigante schiantato al suolo nei giardini di piazza della Repubblica

    Un incubo vero e proprio che si è materializzato in pochi istanti. Un miracolo che non sia stata una serata davvero drammatica.

    Ovviamente, rimanendo in attesa di notizie positive da parte dell’unico ferito più grave, portato in ospedale dall’ambulanza della Misericordia di San Casciano.

    Quel pino, schiantatosi al suolo in una torrida sera di luglio, con i giardini frequentatissimi, a San Casciano era una sorta di istituzione.

    Prima dell’ultimo restyling (ormai avvenuto anni e anni fa) del Piazzone, era circondato da tre panchine. “Le tre panchine”: le chiamavano così i ragazzi che a cavallo degli anni Novanta e Duemila si riunivano lì sotto.

    # Quel pino che si schianta nel cuore di San Casciano. E una sera che non diventa tragedia solo per miracolo

    # Sequestrata dai carabinieri l’area intorno al pino crollato ieri nei giardini del Piazzone

    A San Casciano c’è chi dice che fosse stato piantato come omaggio al Duce, ai tempi del Ventennio.

    Anzi, in realtà era stato piantato (come in tante altre zone dell’Italia) in memoria di Arnaldo Mussolini, fratello del Duce, presidente del Comitato Nazionale Forestale, scomparso nel 1931.

    Di sicuro c’è che quel pino faceva parte dello “Skyline” sancascianese, svettava da decenni e decenni.

    Adesso starà all’amministrazione comunale sancascianese fare tutte le verifiche. Su analizi e relazioni agronomiche.

    Per capire se e come fosse stato indicato al loro interno, visto che da pochi mesi è stato redatto un piano di abbattimenti di alberi pericolosi su tutto il territorio. E quello pare non vi fosse inserito.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino