mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Il giorno dopo: le immagini del gigante schiantato al suolo nei giardini di piazza della Repubblica

    Iniziano anche ad essere pressanti le domande che chiedono risposte all'amministrazione comunale. Sotto quei pini scorre la vita. Ieri sera sarebbe potuta arrivare, terribile, la morte

    SAN CASCIANO – La mattina dopo lo schianto al suolo del grande gigante, del pino di quasi un secolo che nella serata di venerdì 29 luglio è crollato nel bel mezzo dei giardini di piazza della Repubblica, c’è ancora incredulità a San Casciano.

    Tantissimi i sancascianesi che si fermano per vedere cosa rimane dopo il terribile rumore, le urla, la paura.

    Lì, nel “loro” Piazzone. Perché per i sancascianesi il Piazzone è come un prolungamento di casa. E ognuno ne sente suo almeno un pezzettino.

    Tantissimi coloro che con quel pino avevano una sorta di legame. Faceva, in un certo senso, parte della vita di ciascuno.

    In particolare era il ricordo di tempi di gioventù. Dei ritrovi estivi. Delle nottate passate a parlare. “Litigandosi” con altri gruppi di ragazzi le panchine che una volta lo circondavano, riparate da una siepe.

    Si può parlare, indicare dove è caduto, fin dove è arrivato, con la consapevolezza che poteva essere una strage. Con il sollievo di averla scampata. Con la preoccupazione per il 51enne ferito, ricoverato all’ospedale Santa Maria Annunziata.

    Anche ieri sera infatti i giardini erano pieni di persone, anche a quell’ora tarda (attorno alle 23). Fuori a prendere un po’ di fresco per alleviare la calura di questi giorni.

    # Sequestrata dai carabinieri l’area intorno al pino crollato ieri nei giardini del Piazzone

    # Quel pino che si schianta nel cuore di San Casciano. E una sera che non diventa tragedia solo per miracolo

    # FOTO / Ecco qual è il pino che si è schiantato in mezzo ai giardini del Piazzone, a San Casciano

    # Crolla un pino nei giardini del Piazzone: panico nel cuore di San Casciano. Un uomo travolto

     

    Ma in quel punto specifico di gente ce n’è sempre tanta. Tantissima. Per i banchi settimanali, il mercato del lunedì, a mangiare il lampredotto il venerdì, la pizza la domenica; o a comprare il pesce, la frutta e la verdura. Per non parlare dei bambini, presenti quasi a ogni ora del giorno e dopo cena.

    Insomma, siamo in una delle zone del capoluogo più vive e vivaci. Da sempre.

    “Quando ho sentito lo schianto e subito dopo le urla – ci dice un testimone che vive lì vicino – ho pensato subito ai bambini. Il fiato è mancato, il respiro si è fatto corto, a pensare a quello che poteva essere successo, a chi poteva essere rimasto sotto”.

    Mentre l’amministrazione comunale di San Casciano sta facendo tutti gli accertamenti dal punto di vista dei controlli e delle perizie alle quali quell’albero era stato sottoposto, iniziano a farsi pressanti anche le domande.

    Di chi vuol capire perché. Di chi è convinto che andasse abbattuto. Di chi dice: “Me lo aspettavo”. Domande che, sicuramente, non si fermeranno ad oggi.

    Del resto c’è bisogno davvero di capire. Sotto quegli alberi scorre la vita. Ieri sera sarebbe potuta arrivare, terribile, la morte.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino