spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Materassi & Divani: via di Collina è diventata da un po’ di tempo una discarica fra bosco e vigne

    Lo sconcerto degli operai agricoli di un'azienda della zona, il (fondato) sospetto che si tratti di smaltimenti operati da imprese abusive o "furbe"

    BIBBIONE (SAN CASCIANO) – Uno continuo “fenomeno” di abbandono si sta verificando da molte settimane in via Collina per Bibbione, e lungo la via Cassia per Siena al Bargino.

    “Non passa settimana senza trovare abbandonati, in mezzo alle vigne e ai bordi della strada, dei materassi”.

    Che l’hanno segnalato alcuni dipendenti di una fattoria della zona.

    “Uno spettacolo indecoroso – proseguono – e anche non tanto igienico. Appena ce ne accorgiamo prendiamo il trattore e li carichiamo sul carrello”.

    E cosa ne fate? “Semplicemente quello che tutti al momento di disfarsi di un materasso dovrebbe fare – rispondono – chiamiamo il numero di Alia Servizi Ambientali per il ritiro”.

    “Ma le sembra una cosa giusta? – domandano – Con tutto quello che abbiamo da fare in campagna ci dobbiamo anche occupare dell’inciviltà di alcune persone!”.

    Non hanno certo tutti i torti. E vista la quantità di materassi, ci viene il sospetto che non siano abbandoni occasionali, ad opera di famiglie maleducate che abitano nel territorio, ma persone che le “smaltiscono” illecitamente.

    Fenomeno che, guarda caso, si ripete vicino allo svincolo dell’Autopalio, uscita del Bargino, con cadenza regolare.

    E, come se non bastasse, c’è anche chi ne approfitta abbandonando pure i divani: basta uscire dalla strada asfaltata, trovare un angolo nascosto e l’illecito è fatto.

    Ricordiamo il numero di Alia per il ritiro degli ingombranti: 800888333. Ma temiamo che per chi si rende responsabile di questi abbandoni sia inutile anche ricordarlo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...