spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mostro: 36 anni dopo il duplice omicidio la Scientifica torna alla piazzola degli Scopeti

    Il 9 settembre 1985 il ritrovamento di Nadine e Jean Michel. Stamani è arrivato personale di Roma e Firenze per misurazioni e rilievi

    SCOPETI (SAN CASCIANO) – Sono passati 36 anni da quel 9 settembre 1985, data dell’ultimo duplice omicidio del Mostro di Firenze nella piazzola degli Scopeti, nel comune di San Casciano.

    Quel giorno furono infatti ritrovati Jean Michel Kraveichvili e Nadine Mauriot. Per parlare di tutto quello che è stato fatto, scritto, raccontato, non basterebbe una vita.

    Ma in una vicenda che non ha mai risparmiato colpi di scena, un altro si è registrato proprio stamani, martedì 14 settembre, 36 anni e 5 giorni dopo il ritrovamento dei cadaveri dei due francesi.

    # Insieme a Luca Santucci dove il Mostro di Firenze colpì per l’ultima volta

    Con un sopralluogo a sorpresa da parte della polizia scientifica in quella piazzola, lungo via Scopeti, a pochi km da Sant’Andrea in Percussina.

    Sul posto, e la cosa ovviamente non poteva non fare “rumore”, personale di Firenze e di Roma.

    Parrebbe che si voglia “cristalizzare” quella zona, rimasta sostanzialmente la stessa, con l’ausilio dei più moderni mezzi tecnologici a disposizione. Fare rilievi e prendere misurazioni.

    Insomma, qui dove da qualche mese è stata collocata anche una lapide in memoria di Nadine e Jean Michel (già divelta una volta e ri-posizionata), quasi 40 anni dopo, c’è ancora movimento.

    L# Dopo che fu divelta, ri-collocata la lapide in memoria della coppia uccisa dal Mostro agli Scopeti

    Fonti confermerebbero che non si tratterebbe  di alcuna ripresa delle indagini, ma di un accurato sopralluogo di tipo documentale con il massimo della tecnologia disponibile ad oggi (anche un drone ha sorvolato la piazzola e la zona circostante).

    Che potrà servire anche a scopi didattici o, si dice, addirittura cinematografici.

    Ma, come detto, nessuna novità dal punto di vista delle indagini sul Mostro.

     

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...