spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano, memoria ed emozioni: a 30 anni dalla strage di Capaci flash mob degli studenti in piazza Pierozzi

    Due splendide coreografie (su canzoni dei Modena City Ramblers e di Fabrizio Moro), eseguite grazie all'idea e all'impegno delle insegnanti. Applausi a scena aperta

    SAN CASCIANO – A trent’anni dalla strage di Capaci, lunedì 23 maggio, è stato organizzato in piazza Pierozzi a San Casciano, sotto la Torre dell’Orologio, un flash mob da parte di studenti e insegnanti dell’Istituto Comprensivo “Il Principe”.

    Un’occasione per ricordare, con un approccio nuovo e diverso, Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, gli agenti di scorta. E tutte le vittime di mafia.

    Un’idea nata nell’ambito del progetto legalità, seguito e curato dalla docente Domenica Paviglianiti, coinvolgendo le classi 5 (A/B/C) del plesso “Niccolò Machiavelli”, con le loro insegnanti: Francesca Nencioni, Gessica Verrusio, Alessandra Campagnola, Luigina Bossio, Irene Tradii, Domenica Pavignaniti, Sabrina Idone, Isabella Tormen, Maria Rosa Toscano, E. Lapini, Chiara Chiarini, Alessandra Pini.

    Le quali hanno ideato, con la preziosa collaborazione della professoressa Laura Gallenga, l’iniziativa.

    Davvero emozionanti le coreografie con le quali insegnanti e studenti hanno corredato due altrettanto emozionanti canzoni, come “I cento passi” dei Modena City Ramblers e “Pensa” di Fabrizio Moro.

    Al flash mob ha partecipato anche il sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi, ricordando che prima di raggiungere gli studenti in piazza Pierozzi era stato nella frazione di Spedaletto, dove era stata posta una targa in ricordo di Emanuela Loi, altra servitrice dello Stato morta per mano mafiosa, nella strage di via D’Amelio dove perse la vita anche il giudice Paolo Borsellino

    “E’ importante che il ricordo sia tramandato – ha detto il sindaco rivolgendosi agli studenti – ma non è soltanto un esercizio di memoria e di ricordo, è un’attività su quelli che sono i valori dell’antimafia”.

    “Nel 1993 – ha ricordato – una famiglia intera del comune di San Casciano perse la vita nella strage di via dei Georgofili a Firenze, la famiglia Nencioni (insieme allo studente Dario Capolicchio). Tra loro due bambine, Claudia di nove anni, e la sorellina Caterina di soli cinquanta giorni. Quando si parla di mafia ci dà l’impressione di parlare di un fenomeno lontano, distante da noi, invece ci si deve rendere conto che la mafia esiste. E che c’è anche in Toscana”.

    “Le iniziative come questa – ha concluso – le iniziative dell’amministrazione comunale, le iniziative delle associazioni come Libera, che qui da noi ha un presidio che porta proprio il nome di Emanuela Loi, le iniziative dei tanti cittadini, ci fanno capire quanto è importante che tutte le comunità tengano forte e presente quei valori dell’antimafia. Grazie da parte di tutta la nostra comunità per fare vedere che tutto questo non è passato ricordando con forza quei valori”.

     

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...