spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sosta selvaggia in piazza Cavour: per due volte problemi di accesso anche per le ambulanze

    Medico e soccorritori sono stati costretti a trasportare le loro attrezzature salvavita per tutta la piazza, compresa la barella con il malato

    SAN CASCIANO – Piazza Cavour a San Casciano è stata rimessa da poco a nuovo, diventando una sorta di “salotto buono” del paese.

    Ma purtroppo c’è chi ignora quanto sia importante non invadere gli spazi con la sosta selvaggia.

    A poco valgono i segnali mobili stradali di divieto d’accesso al sagrato davanti alla chiesa della Propositura.

    Segnali appunto… mobili, che vengono spostati in base alle dimensioni del mezzo per accedere all’interno.

    Dove, oltre alla chiesa, ci sono i residenti con il diritto di accesso per il carico e scarico, che purtroppo spesso devono portare la spesa e altri oggetti nelle loro abitazioni a piedi.

    E tutto perché davanti all’ingresso della piazza ci sono auto in sosta che sbarrano l’accesso.

    Cosa ancora più grave è quando a dovere entrare all’interno sono i mezzi di soccorso.

    E’ già successo per due volte che un’ambulanza non sia potuta entrare all’interno della piazza perché erano state lasciate le auto in divieto di sosta, proprio come si vede nella foto.

    Tanto che medico e soccorritori sono stati costretti a trasportare le loro attrezzature salvavita per tutta la piazza, compresa la barella con il malato.

    La prima volta è successo per soccorrere una persona all’interno della Propositura, la seconda per un intervento in un abitazione privata.

    La soluzione? Semplicissima, non lasciare nessun mezzo davanti al divieto d’accesso: perché oltre a una multa si potrebbe avere sulla coscienza il mancato salvataggio di una vita. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...