spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Novembre 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / Centro Tricologico Toscano: ecco alcuni esempi di quello che si ottiene

    Utilizzando il Metodo ISOlinea in un solo mese viene riequilibrato il cuoio capelluto da qualsiasi stato infiammatorio...

    CHIANTI FIORENTINO – Tutti hanno sentito parlare di questo Centro Tricologico Toscano che dovrà “nascere a breve, con sede a Sambuca (Barberino Tavarnelle).

    Tutti sanno che molti promettono e pochi mantengono: ma quali sono i risultati ottenibili?

    In questo video ci sono degli esempi su cosa si riesce a ottenere utilizzando il Metodo ISOlinea applicato all’interno del Centro Tricologico Toscano.

    Presso il Centro Tricologico Toscano assicurano che in un solo mese viene riequilibrato il cuoio capelluto da qualsiasi stato infiammatorio (nel video si vede un prima e un dopo).

    In un ciclo di riequilibrio di 6 mesi, si assiste ad un aumento di diametri e ad una maggiore foltezza (anche per questo nel video c’è un prima e un dopo).

    I migliori risultati si ottengono facendo gli opportuni mantenimenti suggeriti dagli specialisti del Centro Tricologico Toscano.

    Come posso toccare con mano se tutto questo è vero?

    Al momento della consulenza, vengono fatte delle foto del cuoio capelluto e dei capelli: queste foto vengono inviate tramite WhattsApp sul cellulare del cliente che si sottopone al test, e dopo un mese si confrontano.

    Questo per quanto riguarda gli stati infiammatori: quindi li potrete vedere e confrontare voi stessi

    Dopo sei mesi potete confrontare il miglioramento dei diametri e della foltezza, sempre confrontando le immagini in vostro possesso.

    Che dire… guardate il video e aspettate pazientemente l’apertura del Centro Tricologico Toscano.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...