spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Giunta e rimpasti: ma intanto a Impruneta il sociale è stato tagliato di quasi 300mila euro”

    La denuncia di Jonathan Corsani (CDC): "L'assessore Buccioni lascerà per questo e non per... motivi logistici"

    IMPRUNETA – "In queste ultime settimane non si fa che parlare del possibile/probabile rimpasto di giunta, sono stati raccontati tanti scenari mai smentiti dall'amministrazione, ma negli ultimi giorni è giunte mediante il consiglio una e-mail degna di nota…".

     

    Inizia così la riflessione di Jonathan Corsani, coordinatore de Il Coraggio di Cambiare, sugli scenari politici che si stanno aprendo a Impruneta a tre anni dalle elezioni del 2013 e a due da quelle che rinnoveranno l'amministrazione comunale nel 2018.

     

    Corsani che porta alla luce uno scenario critico per il settore sociale imprunetino: "Un settore che negli ultimi giorni è stato al centro dell'attenzione per la denuncia della famiglia di Tavarnuzze in difficoltà economiche".

     

    "Ciò che ci salta all'occhio – dice Corsani – e che riteniamo  interessante e preoccupante al tempo stesso è l'argomento trattato. Evitando volutamente considerazioni politiche (sulle quali non mancheremo di ritornare), rileviamo come l'assessora Francesca Buccioni (con deleghe alla scuola e al sociale) non manca di sottolineare con un certo disappunto, come nell'ultimo bilancio comunale si sia apportato un taglio consistente di 280.000 euro giust'appunto al "sociale" elencando quali sono i progetti a rischio".

     

    "Detto ciò -rimarca Corsani – rimane il fatto che scuola e sociale 2016 portano con sé un taglio rispetto all'anno precedente di ben 280.000 euro. Un taglio davvero ingente in un piccolo comune come quello di Impruneta, in un settore i cui servizi, ci sentiamo di sottolineare, dovrebbero essere considerati prioritari da chi amministra".

     

    Quindi torna al rimpasto:"Quindi, la Buccioni non lascerà per motivi logistici (come fino ad oggi ci veniva raccontato), ma bensì per motivi politici e troviamo singolare il silenzio che pervade la maggioranza,  sempre più "accartocciata" su problemi di palazzo, piuttosto che verso i problemi dei propri cittadini,  in particolare quelli disagiati ed in difficoltà".

     

    "Il sindaco – rilancia Corsani – dice che questi soldi "dopo il consuntivo vengono reintegrati, lo hanno capito anche i muri". Beh, mio caro sindaco, lo avranno capito anche i muri, ma la vicenda suddetta mi fa tanto pensare a un contentino all'assessora perché altrimenti non sapete come gestire questa situazione. E come disse Andreotti "A pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si azzecca"… . E questo è proprio uno di quei casi".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...