domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    Coop Le Rose, le opposizioni di Impruneta: “La giunta fiancheggia i forti (la Asl) contro i deboli”

    "E' grave che l'assessore Cioni, che dichiara di voler tutelare la Cooperativa, non faccia pressioni sull’Asl affinché vengano fornite garanzie scritte su tempi dei lavori e rientro nei locali"

    IMPRUNETA – All’indomani delle dichiarazioni dell’amministrazione comunale imprunetina sulla questione della Cooperativa Le Rose i consiglieri comunali di opposizione a Impruneta (Alessandro Giovannini, Gabriele Franchi, Matteo Zoppini, Leonardo Rossi, Roberto Viti) più la consigliera di maggioranza (ma sempre più allineata ai dirimpetatti di banco) Chiara Innocenti, tornano a dire la loro.

    “Aspettavamo la discussione della nostra domanda d’attualità in consiglio comunale – iniziano – per ottenere dalla giunta sia chiarezza che risposte edificanti sulla vicenda della Cooperativa Le Rose: non abbiamo invece avuto né l’una né le altre”.

    “In un lungo e confuso intervento – accusano – a tratti incomprensibile per chi all’ascolto sapesse poco dell’argomento, l’assessore Cioni ha fatto un resoconto degli incontri a cui ella ha partecipato e una descrizione generale dei fatti, cercando di presentare il Comune come un soggetto che si è posto in una posizione equidistante tra la Cooperativa e l’Asl”.

    “In sostanza – aggiungono – però questa non è la realtà, a cominciare dal fatto che l’assessore ha omesso di dire ciò che alcuni operatori ci hanno riferito, ovvero che nelle ultime settimane Cioni ha esercitato pressioni pressoché quotidiane sulla Cooperativa per invitarli a riconsegnare le chiavi e assecondare così le volontà dell’Asl”.

    “Risulta evidente – precisano – che la linea dell’assessore sia la stessa dell’Asl, dal momento che non viene presa in considerazione la proposta di una perizia super partes in merito all’inagibilità dell’immobile, non si comprendono le enormi difficoltà che ogni soluzione provvisoria porta sui ragazzi ospiti della Casa e si sbandiera come positiva la proposta fatta alla Cooperativa di un contratto di comodato d’uso gratuito, che come tutti sanno a differenza di un normale contratto d’affitto rende assolutamente precaria la condizione del comodatario”.

    “Inoltre – proseguono – ed è questo il punto centrale, l’assessore non ha detto nulla sul fatto che la Cooperativa ha richiesto all’Asl garanzie scritte sui tempi dei lavori e sulla possibilità di tornare nella struttura a conclusione degli stessi: per quello che sappiamo non esiste alcun atto d’impegno da parte dell’Asl, ed è grave che Cioni, la quale dichiara di voler tutelare la Cooperativa, non faccia pressioni sull’Asl affinché vengano fornite queste garanzie, mentre d’altra parte non esita a farne nei confronti degli operatori affinché se ne vadano”.

    “L’assessore Cioni – concludono – ha ragione quando dice che in questa storia non ci sono i buoni e i cattivi. Ci sono però senza dubbio i deboli e i forti, ed è a nostro avviso grave che la giunta fiancheggi senza esitazione i secondi”.

    # Cooperativa Le Rose, il Comune di Impruneta: “Diabolico chi taccia di malafede gli amministratori pubblici”

    # Le Rose, la Cooperativa replica alla Asl: “Mai data la certezza di rientrare una volta finiti i lavori”

    # Cooperativa Le Rose, la versione della Asl: “Rifiutate le proposte. E non riconsegnate le chiavi”

    # Impruneta, le opposizioni: “Chiusura della Cooperativa Le Rose è una sconfitta per tutti”

    # “La Asl si accorge dopo trent’anni che i locali della Cooperativa Le Rose non sono a norma?”

    # Cooperativa Le Rose: “Chiudiamo noi. In attesa di una perizia super partes sull’immobile”

    # Il grido di dolore della cooperativa Le Rose: “Se verremo chiusi sarà una perdita per tutto il territorio”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...