spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Oltre 1.000 firme per dire no alla chiusura degli uffici comunali in via Cavalleggeri

    Gli organizzatori della petizione l'hanno portata in Comune: "Commossi da questa grande partecipazione"

    IMPRUNETA – Oltre mille firma (1.094) per dire no alla chiusura degli uffici comunali, in particolare dell'Urp, in via Cavalleggeri. Il Comitato di via Cavalleggeri le ha protocollate in palazzo comunale.

     

    "Siamo stati commossi – dicono dal Comitato – dalla partecipazione e apprezzamento  dei cittadini a questa nostra iniziativa e questo è motivo di grande soddisfazione per chi ha portato avanti questa petizione".

     

    "Abbiamo avuto un risultato – ammettono – che va oltre le più rosee previsioni e questo grazie ai cittadini che hanno capito la questione ed hanno condiviso le nostre motivazioni. Siamo orgogliosi di aver condotto questa petizione in maniera apolitica ma unicamente entrando nel merito di una decisione della giunta comunale che riteniamo sbagliata".

     

    "Valutiamo che anche quest' aspetto sia stato apprezzato dai cittadini – tengono a rimarcare – che non hanno visto uno o più partiti polemizzare con l'amministrazione comunale, ma unicamente una problematica che veniva illustrata con considerazioni e dati oggettivi. E' vero che i partiti di opposizione hanno condiviso la nostra battaglia ma nulla toglie al fatto che ci siamo presentati come un Comitato di cittadini senza riferimenti politici e senza simboli. Siamo stati certamente neutri rispetto alla politica".

     

    "Con questa impostazione – sottolineano – e con l'espressione della volontà di 1.094 cittadini richiediamo con determinazione di rivedere la decisione di chiudere gli uffici di via Cavalleggeri e di trasferire gli uffici scuola e sociale a Tavarnuzze. Non stiamo qui a riportare cose già dette o altre non dette, emerse anche recentemente, che confermano la bontà della nostra iniziativa, ma in caso di non accoglimento della nostra richiesta non mancheremo di continuare ad occuparci della questione".

     

    "Ci auguriamo – concludono – che la giunta comunale, che come si vocifera dovrebbe a breve subire dei cambiamenti, possa rivedere la sua decisione ed andare incontro alla volontà dei cittadini che é stata manifestata così chiaramente da 1.094 firme".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...