spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    5 offerte di Capodanno per scoprire culture e tradizioni che ti lasceranno senza fiato

    Se in Italia a Capodanno non mancano le tavole imbandite con lenticchie e cotechino, nel resto del mondo sono altre le tradizioni da rispettare come segno di buon auspicio per il nuovo anno

    Se in Italia a Capodanno non mancano le tavole imbandite con lenticchie e cotechino, in attesa del brindisi della mezzanotte, nel resto del mondo sono altre le tradizioni da rispettare come segno di buon auspicio per il nuovo anno.

    Ad esempio, in Spagna si è soliti mangiare ben 12 acini d’uva mentre in Svezia non possono mai mancare biscotti a base di spezie e zenzero. In Grecia, invece, di solito viene gettata a terra un melograno e la fortuna per il nuovo anno si misura in base al numero dei chicchi che si possono ritrovare a terra, staccati dal frutto. Tutte usanze bellissime da conoscere e sperimentare, che rappresentano le diverse culture del mondo, e che possono costituire una valida alternativa ai “soliti” Capodanni passati a casa.

    Se ami viaggiare, questo può essere di certo uno spunto meraviglioso per arricchirsi con nuove culture e vivere esperienze speciali, non credi? Se l’idea ti piace l’ideale è pianificare un viaggio magari sfruttando le offerte Capodanno 2022/2023 proposte da una travel company online come Tramundi, nota nel mondo travel per le sue proposte uniche e i viaggi di gruppo che vanno oltre al solito tragitto di Capodanno.

    Pensati già, con un gruppo di viaggiatori appassionati come te, sotto il cielo di Tromsø, in Norvegia. Qui potrai ammirare la splendida aurora boreale, visitare un hotel realizzato interamente con il ghiaccio e poi prendere parte alle lezioni del centro di addestramento per guidare una slitta trainata da cani husky per vivere un’esperienza davvero emozionante bevendo bevande calde invernali e deliziosi piatti a base di cannella e altre dolci spezie.

    Magia e natura si mescolano in un Capodanno in Turchia. Ti immagini già a bordo di una mongolfiera? Sarebbe di certo un’esperienza unica per esplorare la Cappadocia, uno dei territori più spettacolari di questo Paese, e festeggiare l’ultimo giorno del 2022 o il primo del 2023. Cosa si mangia in Turchia per Capodanno? Piatti a base di tacchino, carote, melograni e fagioli; di certo un momento per scoprire nuovi sapori.

    Se preferisci rimanere in Italia puoi festeggiare l’ultimo giorno dell’anno tra i monti, in Val di Sole, in Trentino Alto Adige: dopo lo sci e giornate intere passate sulla neve potrai rigenerarti con i piatti trentini delle feste tra canederli e tirtlan, dei ravioli fritti farciti con verza o spinaci.

    Se solitamente ami trascorrere il Capodanno in città, invece, puoi vivere un’esperienza da favola in Austria, tra Salisburgo e Vienna. Le zuppe sono un must della tradizione gastronomica austriaca che si possono gustare anche a Capodanno tra un giro di valzer e le feste cittadine dove solitamente, prima dello scoccare della mezzanotte, si è soliti regalare delle piccole statuette a forma di maialino come augurio di buona fortuna.

    Per un Capodanno chic in città puoi sempre scegliere la Francia e gustare dell’ottimo foie gras, accompagnato da ostriche, escargots e Champagne oppure puoi sempre trascorrere la tua vacanza francese sulle piste da sci, magari a Brides-les-Bains, un delizioso villaggio di montagna con accesso diretto a Méribel e al grande comprensorio sciistico Les 3 Vallées.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...