spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Parole Leoncini su bare Bergamo, il Pd: “Cosa farà il sindaco a tutela del nome di San Casciano?”

    "Frasi pronunciate in veste ed in sede istituzionale: non sono politicamente né umanamente accettabili. Chiediamo al sindaco cosa intenda fare per tutelare il buon nome della nostra comunità"

    SAN CASCIANO – Non accenna a placarsi l’eco delle parole pronunciate dalla capogruppo della Lega in consiglio comunale a San Casciano (e coordinatrice di zona Chianti), Eleonora Leoncini, in merito alla questione-Covid, con particolare accenno alle bare di Bergamo bollate come “fake news”.

    Così, mentre dall’amministrazione comunale bergamasca ci arrivano conferme di un prossimo passaggio in giunta della documentazione per la decisione sulla querela alla consigliera Leoncini, il Partito democratico di San Casciano ha presentato una domanda di attualità in consiglio comunale. 

    “Una domanda di attualità – spiega il Pd sancascianese – rivolta al sindaco a seguito dei recentissimi eventi che hanno portato alla ribalta della stampa nazionale il nostro comune”.

    “Purtroppo – ricostruisce la vicenda il Partito democratico – nella seduta dello scorso consiglio comunale, il 21 dicembre scorso, da parte della consigliera comunale Eleonora Leoncini, sono state pronunciate alcune frasi, a nostro avviso sconcertanti”.

    “Secondo cui – si prosegue – le immagini delle bare di morti per Covid trasportate dai camion militari di Bergamo, che tanta commozione hanno destato nella prima ondata Covid erano una fake news”.

    “Le frasi – si ricorda – sono state immediatamente riprese prima dai media locali e poi da quelli nazionali, suscitando un diffuso sdegno e riprovazione. Abbiamo altresì appreso che l’amministrazione comunale bergamasca ha espresso l’intenzione di querelare la consigliera Leoncini”.

    “Da parte nostra – annuncia il capopgruppo Pd in consiglio comunale, David Malquori – oltre ad esprimere vergogna e sdegno per quelle frasi , comunico già che presenteremo una mozione nel prossimo consiglio comunale”.

    “Ci preme sottolineare – specifica – che siamo solidali nei confronti della consigliera Leoncini in merito ad alcuni commenti offensivi ed intimidatori ricevuti sui social, ma questa solidarietà non esula dal condannare profondamente le sue frasi, pronunciate in veste istituzionale ed in sede istituzionale e che non sono politicamente né umanamente accettabili”.

    “Alla luce di questo – conclude Malquori – si chiede al sindaco di mettere a conoscenza il consiglio e la cittadinanza dei dettagli legati a questa triste vicenda e quali azioni formali ed informali ha intrapreso ed intende intraprendere al fine di tutelare in qualche modo il nome di San Casciano, balzato agli onori delle cronache proprio nei giorni di Natale in un anno così difficile e per un così triste motivo”.

    La “vicenda-Leoncini”

    # Sinistra per S.Casciano: “Le frasi della consigliera Leoncini su bare di Bergamo feriscono tutti noi”

    # Lettera da Bergamo: “Cara consigliera Leoncini, io c’ero a veder partire quelle bare…”

    # Frasi su bare Bergamo: la Lega e Luigi Venzi (S.Casciano Civica) in difesa di Leoncini: “Sciacallaggio”

    # Dal Comune di Bergamo probabile querela nei confronti della consigliera comunale Leoncini

    # “Le bare di Bergamo? Fake news”. La consigliera comunale della Lega sulla pagina del Pd nazionale

    # San Casciano, Eleonora Leoncini (Lega) in consiglio comunale: “Le bare di Bergamo? Una fake news”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...