spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Prosegue “Effetto Notte” a San Casciano: giovedì 14 luglio si presenta l’ultimo romanzo di Marco Vichi

    Il sindaco Roberto Ciappi dialogherà con lo scrittore del suo ultimo libro, "Non tutto è perduto"; venerdì 15 va in scena l'opera lirica "Il barbiere di Siviglia" nell'arena dentro le mura

    SAN CASCIANO – Un arcobaleno di generi e colori musicali sovrasta la lunga estate di San Casciano, la rassegna che esplode con tutta la sua energia e la voglia di socializzare, offrire occasioni culturali e momenti diversificati di intrattenimento.

    Metti una calda sera di luglio da vivere come un’avventura a caccia di indagini su casi irrisolti o un’esperienza artistica nel segno del Belcanto, sulle note delle grandi opere liriche italiane.

    La favola culturale che “Effetto Notte”, un ventaglio variegato di oltre 40 appuntamenti organizzati dall’assessorato alla Cultura, propone nell’arena estiva di San Casciano, cuore della cittadella della cultura, spazia dalla letteratura alla musica, dall’arte al cinema e al teatro.

    È in programma giovedì 14 luglio alle ore 21.30, nell’arena dentro le mura di via Lucardesi, l’incontro che il sindaco Roberto Ciappi avrà l’onore di condividere con lo scrittore Marco Vichi per la presentazione del nuovo romanzo del commissario Bordelli “Non tutto è perduto”.

    “NON TUTTO E’ PERDUTO” di Marco Vichi

    Il commissario Bordelli è andato in pensione e la malinconia si fa sentire, nonostante la presenza sempre più stretta della bella Eleonora e le immancabili cene della Confraternita.

    Il giovane sessantenne fa lunghe passeggiate in collina, ripensa al passato, e a poco a poco si fa strada nella sua mente l’idea di risolvere l’unico caso della sua carriera rimasto insoluto: un ragazzo, figlio di un industriale fascista, ucciso nel 1947 con diverse coltellate… forse una vendetta?

    Era la sua prima indagine, e all’epoca non era riuscito a venirne a capo, anche perché molto presto era arrivato l’ordine di lasciar perdere, non era il clima giusto per rovistare nelle tragedie della guerra, l’Italia aveva bisogno di pace e di serenità.

    Ma adesso, dopo ventitré anni, può provare a risolverlo, anche se non ufficialmente.

    Nel frattempo cerca di dare una mano a Piras, diventato vice commissario, e finisce per ritrovarsi alle prese con due crimini odiosi.

    Uno degli eventi di punta della stagione estiva, ideata e organizzata dal Comune, è il concerto lirico “Il barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini, per la regia di Franz Moser, previsto per venerdì 15 luglio alle ore 21 nell’arena dentro le mura.

    L’opera è diretta dalla maestra concertatrice Claudia Gori e vede salire sul palco gli interpreti Bruno Pestarino, Paola Cacciatori, Filippo Pina Castiglioni, Alberto Bianchi Lanzoni e Romano Martinuzzi.

    “Siamo particolarmente fieri di aver organizzato un evento così importante in piazza – commenta l’assessore alla Cultura Maura Masini –  crediamo che sia un investimento di qualità, il nostro obiettivo è proporre il concerto lirico in una forma “divulgativa” in modo da avvicinare il maggior numero di spettatori al genere e diffondere quelle che rappresentano le origini del nostro profondo legame con la lirica che fonde azione teatrale, canto e musica in unico contenitore di emozioni, passioni, storie, talenti”.

    Info: 0558256388.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...