spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quando i musicanti dell'”Oreste Carlini” venivano accompagnati da ragazzi che tenevano le lampade a gas

    Oggi ultimo giorno di Musica Festival al Poggione (concerto della Banda dalle 21.30). Per questa occasione, con un musicante storico come Mario Mazzei, siamo andati a scoprire vecchi "segreti"

    SAN CASCIANO – Oggi a San Casciano, al Parco del Poggione (Parco Dante Tacci) si chiude l’edizione 2022 del Musica Festival, la festa estiva (che ha riscosso grande successo) del Corpo Musicale “Oreste Carlini”.

    Si chiuderà, come da tradizione, con un grande concerto (gratuito, come tutti gli spettacoli proposti) dello stesso Corpo Musicale, diretto dal Maestro Andrea Gheri.

    Proprio in occasione del Musica Festival, è stato allestito uno stand in cui si ripercorre la storia della Banda.

    E tra vecchi strumenti, foto e altri ricordi, è spuntata un oggetto curioso: una lampada da carrozza tenuta su con un’asta infilata in una “mini bombola” di gas.

    Incuriositi abbiamo chiesto l’uso di questa lampada artigianale. E a svelarcelo è stato Mario Mazzei, che fin da ragazzino ha avuto occasione di adoperarla.

    “Nella mia famiglia siamo stati tutti dei musicanti – ci racconta Mario – Il ricordo che ho impresso nella mente è quando, con mio nonno Corrado, fin da ragazzino andavo a seguire la Banda. Con il compito di portare le fiaccole per fare luce ai musicanti. Facevano una puzza tremenda, per non parlare poi del fumo nero! Io e altri stavamo nel mezzo e, ai lati, i musicanti”.

    Erano più frequenti rispetto a oggi le uscite della Banda?

    “Sì, in particolare ricordo che la Banda era presente a quasi tutti i funerali, anche perché non c’era casa che non avesse in famiglia un musicante. Si svolgevano in maggior parte di notte: ricordo che partecipavano anche i Fratelli Mortuari della Misericordia, che indossavano sul capo le buffe (cappucci) nere. Si vedevano solo gli occhi”.

    E dopo le fiaccole a petrolio, arrivarono queste lampade a gas…

    “Fu un sollievo per tutti. Facevano una luce bianca che permetteva di leggere gli spartiti in modo chiaro. La piccola bombola conteneva fino a 5 litri di gas, vi si agganciava una cinghia e la portavamo a tracolla, dall’asta passava il gas che permetteva alla lampada di fare luce”.

    Con una fiamma libera?

    “No, mettevamo una calza bianca di amianto all’interno della lampada. Oggi è un oggetto da antiquariato, ma all’epoca faceva comodo!”.

    Lei Mario ancora oggi suona. Sia nella Banda “Oreste Carlini” che nella “Chianti Mood Big Band”…

    “Sono cinquant’anni che suono. Da piccolo abitavo sopra la stanza dove facevano le prove, ascoltavo dalla finestra tutti i brani. E quando sono entrato a farne parte avevo già tutto in mente: è stato facile per me imparare”.

    E questo strumento che ci sta mostrando, di cosa si tratta?

    “Questo è un Basso in Fa, il mio primo strumento, lo considero un mio bambino”.

    Sono tante le storie che Mario potrebbe raccontarci in cinquant’anni di esperienza, per il momento ci fermiamo qui. Ma non escludiamo nuove… “puntate”.

    IL CORPO MUSICALE “ORESTE CARLINI”

    Il Corpo Musicale “Oreste Carlini”, come risulta dagli archivi del Comune, viene ricordato spesso fin da inizio Ottocento (data ufficiale di nascita 1822).

    Nel 1920 prende la denominazione in onore del compositore e Maestro di musica Oreste Carlini, nato a San Casciano nel 1827 e venuto a mancare a Livorno il 12 ottobre 1902.

    La Banda è molto amata in paese, tanto che in molti giovani si sono avvalsi d’insegnanti qualificati.

    Dal 1973 frequentando la valida “scuola allievi” intitolata al Maestro sancascianese Fortunato Fontanelli.

    E, più recentemente, con l’istituzione di un “laboratorio per orchestra di fiati”, nato dalla collaborazione con l’Istituto Comprensivo di San Casciano, che permette la formazione di nuovi giovani musicisti da inserire in organico.

    Dal 1992, esattamente il 13 settembre (quest’anno si festeggiano i 30 anni) l’”Oreste Carlini” è gemellata con la Banda Folcloristica di Vigo di Fassa, in provincia di Trento, con la quale tuttora è vivo un legame di stretta amicizia e collaborazione.

    Presidente della Banda è Claudio Gheri. Direttore del Corpo Musicale “Oreste Carlini” dal 2005 è il Maestro Andrea Gheri.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...