spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano, un pomeriggio dedicato alle Buchette del Vino: fra libri e passeggiate in paese

    La presentazione di “Firenze e Toscana Le Buchette del Vino”: fra tour nel centro storico alla ricerca delle buchette sancascianesi e il libro di Fabrizio Silei con le buchette... fra le righe

    SAN CASCIANO – Trasferta a San Casciano sabato scorso da parte dell’Associazione Culturale Buchette del Vino di Firenze, per la presentazione di due libri.

    Il primo: “Firenze e Toscana Le Buchette del Vino” (Edizioni BDV), opera delle storiche dell’arte Diletta Corsini e Lucrezia Giordano.

    Un bellissimo volume che contiene la storia e tutte le più recenti scoperte sulle Buchette del Vino. A Firenze e in Toscana.

    Ricco di illustrazioni, contiene la galleria fotografica delle quasi 300 referenze censite dall’Associazione. Comprese quelle nel nostro territorio.

    Il secondo libro era “La rabbia del lupo” (Giunti): romanzo scritto da Fabrizio Silei, tavarnellino di nascita, vincitore del prestigioso Premio Andersen nel 2014, con libri tradotti in 21 Paesi.

    Dopo il romanzo, “Trappola per volpi”, che ha ottenuto un grande successo, stimolato dai lettori è nato il secondo volume, “La rabbia del lupo” appunto.

    Dove il lettore riesce a immedesimarsi nei personaggi, arrivando a ripercorrere quei luoghi (di Firenze e del Chianti) così ben descritti dall’autore.

    # La famiglia, la storia, i misteri del giallo: i libri di Fabrizio Silei, con una forte anima tavarnellina

    E proprio ne “La rabbia del lupo” c’è un passaggio riguardante una buchetta dei vini: da qui la presenza sabato scorso a San Casciano.

    Sabato 13 novembre c’è stata anche una sorta di “pre-presentazione” all’aperto, in via Morrocchesi.

    Dove sulla facciata del Palazzo Medici (già del Greco-Ciappi) è visibile una buchetta del vino ben conservata e ancora “funzionante”.

    Grazie a Luigi e alla moglie Carla è stato possibile far passare dalla buchetta, oltre al fiasco di vino, anche i due libri.

    Accompagnati dal presidente dell’Associazione Buchette del Vino Matteo Faglia, hanno proseguito per via Morrocchesi alla ricerca delle altre due buchette: una all’angolo di via della Vignaccia e l’altra sulla facciata del palazzo Pierozzi, davanti piazzetta Simone Martini.

    Prima di raggiungere la biblioteca comunale, è stato fatto un “sopralluogo” anche in via Lucardesi: qui con molta probabilità esistevano due buchette del vino sulla facciata a sassi dove c’è l’ingresso su piazza Samonà.

    Lì infatti vi era un convento di Francescani Osservanti e, successivamente, delle Suore Clarisse. Le due “probabili” buchette venivano adoperate fino agli anni ’70 circa, come biglietteria del cinema all’aperto.

    Sempre in via Lucardesi sembra esserci un’altra buchetta, un po’ alta (è situata al primo piano): all’interno oggi vi è custodita un’immagine sacra illeggibile. Non è escluso che questa buchetta sia stata smurata per fare posto a un’altra finestra e ricollocata più in alto dove si trova oggi.

    La serata è proseguita nella sala “Lucia Bagni” della biblioteca comunale: qui a presentare i due libri è stata Carlotta Ansaldi (Oltrarno giallo club). Al termine è stato offerto un aperitivo a base di olio “novo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...