spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Orecchio, naso e gola: al Poliambulatorio della Fratellanza Popolare di Grassina due specialisti

    Sono il dottor Andrea Cagnoli e il dottor Mario Maida. Incontriamo quest'ultimo, con il quale approfondiamo tutta una serie di tematiche e diamo informazioni utili

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – La perdita dell’udito o i giramenti di testa, i disturbi che interessano la voce piuttosto che le cavità nasali: sono tutte problematiche che necessitano di visite specifiche e accurate da parte dell’otorinolaringaiatra.

    Presso il Poliambulatorio della Fratellanza Popolare e Croce d’Oro di Grassina in via Spinello Aretino è possibile sottoporsi ad una visita con due medici specialisti, il dottor Andrea Cagnoli e il dottor Mario Maida. Incontriamo proprio il dottor Maida per approfondire l’argomento:

    “L’otorinolaringoiatra è il dottore che studia e cura le malattie dell’orecchio, del naso e della gola – ci dice quando lo incontriamo all’interno dello studio che è stato recentemente dotato di nuova strumentazione – e le malattie vanno dalle otiti alle labirintiti. Di solito i pazienti che vengono da noi soffrono di dolori all’orecchio, piuttosto che di perdita dell’udito: e talvolta anche di giramenti di testa”.

    “Per poter fare una visita in questo settore – prosegue – disponiamo di tutte le strumentazioni necessarie: dagli speculum per guardare il naso, la gola gli orecchi, agli strumenti tecnici per fare l’esame dell’udito e quelli vestibolari”.

    “Siamo forniti di una cabina silente e di un audiometro ad essa collegata – aggiunge – e di un impedenzometro. Che sono gli strumenti che ci danno la possibilità di fare una diagnostica di tutte le problematiche otofunzionali, ovvero sull’udito del soggetto”.

    Qui al Poliambulatorio grassinese la strumentazione è di primo livello: “Siamo forniti, inoltre, di un microscopio chirurgico ottico. Che consente l’ispezione del condotto uditivo e della membrana timpanica, per esaminare i dettagli anatomici, consentendo così di valutare l’orecchio in tutte le sue parti”.

    “Questo semplice e non doloroso esame – precisa il dottor Maida – permette di effettuare manovre strumentali a scopo diagnostico terapeutico, sotto diretto controllo visivo”.

    “Inoltre abbiamo tutti i ferri che ci servono per farne la pulizia, piuttosto che le medicazioni lì dove c’è bisogno – continua ancora il dottor Maida – e abbiamo l’aspiratore per fare l’aspirazione delle secrezioni. Insomma siamo in grado di fornire un servizio per l’otologia completo sotto tutti gli aspetti”.

    “Anche per la parte rinologica e faringolaringologica abbiamo tutta l’attrezzatura idonea – tiene a specificare – comprese le fibre ottiche flessibili, che sono lo strumento più moderno per poter fare la laringoscopia. Questo consente di studiare la laringe e quindi poter valutare tutte quelle sofferenze, o patologie, dal punto di vista scientifico, che comportano per esempio l’abbassamento o la perdita della voce”.

    “La cosiddetta disfonia o afonia – ci spiega il dottore che in questo periodo è assai diffusa – a causa della presenza di patologie come la malattia da reflusso gastroesofageo”.

    La visita otorinolaringoiatrica che è possibile eseguire è indicata anche per l’età pediatrica: “Qui presso l’ambulatorio della Fratellanza Popolare, con la strumentazione che abbiamo e con la nostra esperienza, siamo in grado di fare una diagnostica non solo di primo livello, ma anche di secondo livello, di tutto l’apparato naso, orecchio e gola. L’otocalorimetro è l’ultimo strumento acquisito per la diagnostica delle vertigini: stimola il labirinto per poter fare una diagnostica delle sindromi vertiginose”.

    Per prenotare un appuntamento è possibile telefonare al numero 055646331 (tasto 2), gli operatori sapranno fornire tutte le informazioni necessarie.

    Il dottor Maida ci spiega quanto importante sia anche in questo ambito fare prevenzione: “Dobbiamo guardare orecchi, naso e gola e quindi consiglio di sottoporsi ad una visita una volta all’anno per vedere quelle cose che da soli non si possono vedere”.

    “L’otorino, con una determinata luce, riesce ad indagare le cavità facendo una diagnostica precoce delle patologie, ad esempio quelle del cavo orale – aggiunge – i tumori del cavo orale purtroppo sono presenti e molte volte i pazienti arrivano su consiglio del dentista che, controllando la bocca, si accorge o ha il sospetto di eventuali lesioni che non riesce a decifrare. L’otorino così dovrebbe decifrarla otticamente o, nel dubbio, mandare il paziente a fare una biopsia per avere una valutazione istologica e poter poi fare la terapia più idonea nei tempi più brevi possibili”.

    Il suggerimento del dottor Maida è quello di andare dall’otorino per evitare spiacevoli sorprese: “Talvolta per la trascuratezza, alcuni pazienti che soffrono ad esempio di cerume, si rovinano le vacanze perché con i primi bagni al mare le orecchie si tappano. Stesso consiglio anche per chi soffre di allergie ed ha problemi di rinite allergica: nel momento della stagionalità è importantissimo fare un controllo al naso perché è possibile intervenire subito con una terapia appropriata consentendogli così di trascorrere il periodo allergico nel miglio modo possibile e soffrendo il meno possibile”.

    La prevenzione è sicuramente una cosa importante da fare in tutti i settori, sottolinea il dottore: “Questi controlli, ed il trattamento in tempi opportuni, permettono anche di evitare che si formino manifestazioni sempre più importanti come le poliposi nasali e di arrivare ad avere delle formazioni importanti con grossi disagi o con la necessità di intervenire chirurgicamente”.

    Pensate agli orecchi, al naso e alla gola: è il suo consiglio.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...