spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’addio a una delle maestre del ricamo di San Casciano: Marinetta Pucci ha insegnato l’intaglio a intere generazioni

    Il ricordo di Marta Margheri, che nel 1995 ha creato il gruppo Impara l'Arte: "Era una persona eccezionale, una bravissima insegnante, dolce e modesta"

    SAN CASCIANO – Marinetta Pucci (nei Bandini) si è spenta nei giorni scorsi a 95 anni. Ed è un’altra perdita per un sapere antico, speciale, unico. Di un passato che rischia di dissolversi.

    Era infatti una delle “maestre” del ricamo nel comune di San Casciano: e non solo ha praticato questa vera e propria arte, ma l’ha anche insegnata a intere generazioni.

    Ce la racconta Marta Margheri, coordinatrice del gruppo di ricamo della casa del popolo Impara l’Arte. Che con Marinetta ha condiviso tanti pomeriggi e tanti racconti.

    “Era una grande esperta di intaglio – inizia Marta – Lei di lavoro aveva fatto la magliaia, e una volta in pensione iniziò a ricamare”.

    “Aveva un grande rapporto con Giuliana Zecchi – ricorda Marta – che le faceva i disegni. Poi li passava a Marinetta, che li trasformava in vere e proprie… opere d’arte”.

    Una ricamatrice come ce n’erano molte nei decenni scorsi, a San Casciano come altrove. Che lavorava spesso da casa.

    Poi però, nel 1995, a Marta Margheri venne l’idea della scuola di ricamo: “Lei usciva da un momento un po’ triste – rammenta – Mi chiese di farla un po’ riprendere, per poi partire. E così fu”.

    Ricamo e compagnia, tanta amicizia: “Si iniziò questo gruppo di Impara l’Arte; prima con l’Auser, poi con la casa del popolo in via dei Fossi”.

    “Marinetta ha insegnato a decine e decine di donne – sottolinea Marta – Era un gruppo nato per ricamare certo, ma anche per stare insieme. E lei era una persona eccezionale”.

    La memoria di Marta va a quelle due federe nel cassetto di casa, ricamate proprio da Marinetta: il ricamo, del resto, è spesso anche un legame con chi non c’è più. Ma le cui mani vivono ancora su quei tessuti.

    “Era una donna capace di insegnare – dice ancora Marta – molto dolce e tranquilla, modesta. Oggi io sto facendo i corsi in biblioteca, per ricreare un po’ quel gruppo che si è perso per strada. Con molte donne che sono diventate anziane o che, purtroppo, non ci sono più”

    “In biblioteca – conclude Marta – faccio quattro lezioni, per raccogliere chi è interessato. Le ragazze più giovani? Arrivano, ma spesso vanno via… velocemente. Noi comunque ci proviamo, perché è importante passare il testimone di questa passione: e a settembre-ottobre potremmo iniziare a insegnare a San Casciano anche il Punto Tavarnelle”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...