spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tagliatelle alle castagne con ragù bugiardo

    Ingredienti per le tagliatelle alle castagne (per 500g di prodotto circa): 300g di farina di semola, 100g di farina di castagne, 1 uovo intero e tre tuorli, un po’ di sale, un goccio d’acqua.

     

    Preparazione: Disponete le farine tutte assieme “a fontana”, mettete al centro le uova e poco sale. Impastate il tutto e se c’è necessità aggiungete l’acqua (non più del 7%).

     

    Fate una palla e lasciate riposare in una pellicola nel frigo per un’ora.

     

    Sulla spianatoia aggiungete un po’ di farina e tirate una sfoglia dello spessore richiesto, arrotolatolo e tagliate le tagliatelle.

     

    Lasciatele sulla spianatoia con un po’ di farina e fatele “tirare”.

    Ingredienti per il ragù bugiardo (per 4 persone): prendete un paio di scalogni, una costa di sedano, due carote, mezzo spicchio di aglio, un mazzetto di prezzemolo, un paio di rametti di pepolino, pomodori pelati pachino dop, un pizzico di curry, peperoncino, salvia, rosmarino, olio e sale.

     

    Preparazione: Tagliate finemente gli scalogni e l’aglio; iniziate a soffriggere con il curry, aggiungete le carote e il sedano, lasciate soffriggere; aggiungete tutto il resto e per ultimo il pomodoro e un bicchiere d’acqua.

     

    Fate cuocere abbondantemente ma fate attenzione a lasciare le carote cotte ma non sfatte; lasciate ritirare e riposare prima di cuocere le tagliatelle.

     

    Preparazione finale: Cuocete le tagliatelle in acqua salata e scolatale al dente; aggiungetele al sugo ben caldo e spolverizzate con parmigiano abbondante, servite ben calde.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...