spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In Piazza don Chellini a Tavarnuzze arriva la terza “panchina del ricordo”. In memoria di Roberto Pacini

    Sono stati i suoi amici "della panchina" a promuovere questa iniziativa: "Ogni volta che la vedremo - dicono - ripenseremo ad altri tempi". Poi gli dedicano anche una poesia

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – E’ stata posizionata in piazza Don Chellini, a Tavarnuzze, una panchina commemorativa in ricordo di Roberto Pacini, venuto a mancare nel gennaio di quest’anno.

    E’ la terza panchina in assoluto collocata con questa modalità, che unisce il ricordo con il dotare la comunità di un arredo urbano utile.

    Sono stati i suoi amici “della panchina” a promuovere questa iniziativa: “Ogni volta che la vedremo – dicono – ripenseremo ad altri tempi, quando tutti noi con Roberto passavamo le giornate in piazza a pensare al nostro futuro”.

    Con l’occasione sono stati dedicati allo stesso Roberto alcuni versi.

    Roberto,

    siedi una volta ancora

    su questa panchina

    e guarda i nostri ricordi che ora

    passano, come in vetrina

    parole,giochi,scherzi,risate e poi

    era la vita che ci sedeva vicina

    e l’amicizia cresceva tra di noiù

    quasi abbracciati, sulla “nostra”panchina

    e il sole di giugno, quante volte

    il tuo volto ha baciato

    e l’ombra dei pini, quante volte

    i tuoi capelli ha carezzato

    in quella giovinezza

    che tanto caro ti è stata

    visto che la vecchiaia

    adesso ti è negata

    “I ragazzi della Panchina”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...