mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Tre nuove casse d’espansione per la Pesa: l’1 luglio presentazione

    Saranno presentati lunedì 1 luglio alle 18 nella sala del consiglio comunale di Montelupo Fiorentino i progetti per la rinaturalizzazione e sicurezza idraulica della bassa Val di Pesa: presenti i rappresentanti dei Comuni di Montelupo, Lastra a Signa, Montespertoli, del Consorzio di Bonifica e dell’Autorità di Distretto Un totale complessivo di 4,2 milioni di euro, in gran parte ottenuto grazie all’accesso a finanziamenti europei mediante l’Autorità di Distretto dell’Appennino Settentrionale e il Piano di Gestione del Rischio Idraulico del Torrente Pesa elaborato in convenzione con l’allora Consorzio di Bonifica Colline del Chianti, poi Toscana Centrale e oggi Medio Valdarno.

     

    Lunedì 1 luglio alle 18  sarà il momento di una prima presentazione pubblica a cui è invitata anche tutta la cittadinanza.

     

    L’iniziativa, che sarà anche trasmessa in diretta web sul canale Youtube del Comune di Montelupo, è parte del grande progetto di riqualificazione, valorizzazione e promozione della Val di Pesa mediante il percorso partecipativo del Contratto di Fiume sottoscritto da tutte le amministrazioni comunali del territorio e da diverse istituzioni e associazioni locali unite in un lungo elenco di firmatari a cui è ancora possibile aggiungersi contattando uno dei principali riferimenti e coordinatori del processo appena avviato e ancora tutto da elaborare, il vicesindaco di Montelupo, Lorenzo Nesi.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino