mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    La Pesa diventa anche arte, ambiente e… #aperipesa

    "Sforiamo" di qualche km dal territorio che seguiamo abitualmente ma per una buonissima ragione, ovvero… seguendo il corso della Pesa.

     

    Il Comune di Montelupo Fiorentino, insieme a FaCTO, spazio innovativo proprio lungo Pesa e a diverse altre realtà cittadine si fanno protagonisti di una grande promozione del vivere a pieno, rispettare, qualificare e promuovere il torrente che attraversa il Chianti.

     

    Arte contemporanea e messaggi per il rispetto per la natura, aperitivi sulle sponde, trekking o passeggiate notturne per ascoltare i rumori del lungofiume… anche questa è la Pesa a Montelupo, dove il Comune e molte altre realtà locali fanno di tutto per avvicinare cittadini e turisti al torrente e alle sue grandi potenzialità.

     

    Sul piano artistico fondamentale è l’azione dell’Associazione Culturale FaCTO, che ha aperto le sue porte nel 2018 nel cuore di Montelupo Fiorentino, in un contesto unico tra un antico mulino e una antica fornace di ceramica a ridosso del bastione murario lungo il torrente Pesa creando uno spazio di co-working diffuso dedicato alla promozione dell’arte e della cultura

     

    “FaCTO nasce dalla volontà di creare un nuovo sistema di condivisione artistica, sociale e culturale in un territorio ricco di antiche tradizione artigianali e creative, dando la possibilita’ ad artisti e artigiani di avere degli spazi per immaginare, progettare, sperimentare, creare, presentare, insegnare, condividere" si legge sulla pagina Facebook di FaCTO.

     

    "Un luogo – si prosegue –  pensato da artisti per artisti e per chiunque abbia bisogno di esprimere il proprio mondo interiore e il proprio potenziale creativo”.

     

    E da qui le numerose installazioni artistiche che fanno del lungo Pesa una vera e propria galleria di arte contemporanea tra cui il murale dell’artista Ligama che a Montelupo su un grande muro di sponda in cemento armato ha realizzato una spettacolare opera dal titolo “Panta Rhei”.

     

    Che nelle parole dell’artista “rappresenta il contrasto tra la staticità della condizione umana e la mutabilità della natura, rappresentata dal fiume, dal quale sono stato assolutamente ispirato".

     

    E l’ultima arrivata, l’opera di Francesco Ciabatti che ha realizzato e curato un’installazione ispirata alla magia della Pesa sulla terrazza che si affaccia sul torrente.

     

    Sempre da un’idea di FaCTO, infine, anche uno degli eventi mondani più curiosi legati al torrente, ovvero l’#APERIPESA che si tiene per tutta l’estate, tutti i martedì alle 18.30, proprio a bordo Pesa!

     

    Sempre sul piano artistico importantissimo anche il rapporto che già da qualche anno una delle manifestazioni principali di Montelupo, la Festa della Ceramica, ha ritrovato con il torrente sulle cui mura di sponda nelle edizioni appena trascorse si sono viste coinvolgenti video installazioni e occasioni di promozione del prodotto simbolo del territorio, proprio grazie anche ai terreni argillosi della vallata.

     

    Sul piano naturalistico-ambientale a muoversi sono una serie numerosa di associazioni locali con trekking, passeggiate, mostre fotografiche, ma è principalmente l’appassionato assessore Lorenzo Nesi con il gruppo Facebook e l’hashtag #indifesadellapesa il principale promotore del tema con frequentissimi e utili aggiornamenti in materia, tra cui l’ultima raccomandazione a non nutrire con cibo domestico la fauna selvatica che popola il torrente e le sue pertinenze.

     

    L’assessore Nesi, a cui si deve un grandissimo lavoro di coordinamento e animazione del processo partecipativo verso il Contratto di Fiume della Pesa, già sottoscritto da tutti i comuni della valle e da oltre 50 altri soggetti associativi.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino