spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Risotto fiorito all’espresso

    Sono una di quelle persone che prende sempre un caffè di troppo, come si può resistere ad un gusto così avvolgente e deciso?

     

    In questo piatto ho provato a far emergere l’animo “gentile” dell’espresso che compare solo come retrogusto dietro al sapore deciso di un risotto che ha come base un formaggio stagionato e profumato. Fiori e caprino fresco servono a creare quei contrasti che arricchiscono ogni piatto.

     

    Provatelo e fatemi sapere come vi è venuto.

     

    Risotto Fiorito all’espresso
    (per 4 persone)

    Sei pugnetti di riso
    Mezza cipolla bianca
    Una tazzina d’espresso
    Parmigiano
    Burro
    Blu di capra
    Caprino fresco
    Fiori di pepolino
    Vino biano (secco)
    sale e pepe

     

    Si trita finemente la cipolla bianca e si soffrigge con un filo d’olio a fuoco basso. Si aggiunge il riso e si tosta alzando il fuoco.

     

    A tostatura effettuata si aggiunge un filo d’acqua e il caffè; quando il caffè si è completamente assorbito si sfuma con mezzo bicchiere di vino bianco. Si aggiunge acqua fino a coprire il riso con due dita d’acqua e si lascia cuocere. (In verità non è una vera cottura, il riso si idrata assorbendo l’acqua).

     

    A cottura ultimata si effettua la mantecatura aggiungendo burro, parmigiano e fuori dal fuoco il blu di capra.

     

    In un coppa pasta si dispone un piccolo strato di caprino fresco e sopra il risotto.
    I fiori di pepolino (ma possono essere usati anche altri fiori aromatici) si dispongono sopra.

     

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...