domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    Agricoltura in Val d’Elsa, caporalato e violenze ai danni dei lavoratori: allarme della FLAI CGIL

    "Dopo il Chianti anche in Val d'Elsa stiamo ricevendo segnalazioni di sfruttamento. E addirittura di denunce di violenza, ai danni di lavoratori di origine straniera"

    VAL D’ELSA – “Siamo molto preoccupati perché dopo il Chianti anche in Val d’Elsa stiamo ricevendo segnalazioni di sfruttamento, e addirittura di denunce di violenza, ai danni di lavoratori di origine straniera impiegati in imprese che offrono servizi specifici alle aziende agricole del territorio”.

    E’ la denuncia della CGIL e della FLAI CGIL di Siena: che torna ad accendere i riflettori sul tema, purtroppo mai debellato, del caporalto.

    “Queste imprese, tramite loro uomini di fiducia, che tutti i lavoratori chiamano abitualmente “capo” (anche perché spesso non ne conoscono le generalità) – spiegano le organizzazioni sindacali – portano le persone sul luogo di lavoro, ovvero nei vigneti e nei terreni delle aziende agricole, costringendole a ritmi estenuanti con la minaccia di ripercussioni anche fisiche, che purtroppo vengono messe in pratica se i lavoratori accennano a rivendicare un regolare contratto, un giusto salario o modalità ed orari di lavoro sopportabili”.

    “Il fenomeno sta diventando inquietante – proseguono CGIL e FLAI CGIL – perché delinea una pratica diffusa di sfruttamento di manodopera e racconta di pressioni e violenze perpetrate ai danni di persone, che spesso non comprendono nemmeno la lingua, da parte di personale esterno ma che opera all’interno di grandi aziende agricole del nostro territorio, spesso conosciute e rinomate”.

    “Ci domandiamo se tali aziende, che anche grazie all’impiego di queste squadre di lavoratori riescono sicuramente a fare più profitto – sottolineano i sindacati – controllino cosa accade nelle loro proprietà; ci riesce francamente difficile credere che ne siano all’oscuro”.

    “Ricordiamo – sottolinea il sindacato – che di questi fatti sono responsabili a norma di legge e quindi suggeriamo loro di verificare a chi affidano i lavori, anche perché il prestigio e il livello di un prodotto è il frutto della qualità dei processi lavorativi che lo determinano”.

    “Continueremo a supportare tutti i lavoratori che si rivolgono a noi e che trovano il coraggio di denunciare anche alle autorità le vessazioni e le modalità di lavoro irregolare che sono costretti a subire – concludono le organizzazioni sindacali – e chiediamo alle associazioni di categoria e alle aziende serie di vigilare su questi fenomeni di caporalato per contrastare insieme tali reati, che portano inevitabilmente a pratiche di concorrenza sleale e svilimento di un’eccellenza territoriale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...