spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La tempesta di vento e pioggia sul Chianti fiorentino: giornata scandita da paura, danni, interventi

    Saltata la corrente elettrica in molte zone. Anche l'approvvigionamento idrico ne ha risentito. Sradicati a decine e decine gli alberi. Impegno massimo di istituzioni e volontari

    CHIANTI FIORENTINO – La perturbazione annunciata ieri dall’allerta gialla è arrivata, nel Chianti fiorentino, attorno alle 10.45 di oggi, giovedì 18 agosto.

    Con raffiche di vento e pioggia pazzesche, una vera e propria tromba d’aria (in realtà un downburst del temporale) arrivata da est.

    # Il LAMMA spiega quello che è accaduto. E avverte: “Situazione fortemente instabile anche nelle prossime ore”

    Ma su tutta la Toscana sono stati minuti di puro terrore: “Le conseguenze del maltempo di queste ore sono gravi con feriti e decessi (al momento due, un uomo a Lucca e una donna a Carrara, n.d.r.)” dice il presidente regionale Eugenio Giani.

    “Per questo – annuncia – ho attivato la procedura per dichiarare al più presto lo stato d’emergenza regionale e auspicabilmente quella nazionale”.

    “Ho appena parlato con Fabrizio Curcio – conclude – capo della Protezione Civile nazionale per unire tutte le forze nell’aiutare le popolazioni colpite”.

    Nel nostro territorio, i primi minuti, con il vento che soffiava a velocità folli, sono stati davvero di grande paura. 

    Subito saltata la corrente elettrica in molte zone (alcune ancora senza, in altre è tornata). Anche le connessioni telefoniche sono saltate (anche in questo caso vale il discorso fatto sopra).

    Problemi anche sull’erogazione idrica, come conferma Publiacqua: “Informiamo i cittadini, che causa di interruzione dell’energia elettrica ai nostri impianti, si verificheranno problemi di approvvigionamento nei Comuni di Impruneta, San Casciano e nella località Strada in Chianti (Greve in Chianti). Verranno posizionate a breve autobotti a disposizione dei cittadini in piazza Accursio da Bagnolo (Impruneta) e piazza della Repubblica (San Casciano)”.

    Al momento risultano cadute di rami e alberi su molte strade in tutti i comuni del territorio: Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti, San Casciano, Bagno a Ripoli, Impruneta.

    A macchia di leopardo tutti i comuni sono stati colpiti pesantemente. Moltissimi gli alberi divelti, in particolare anche cipressi secolari. Tetti danneggiati, mezzi colpiti da alberi o rami caduti.

    Nel comune di Bagno a Ripoli, già messo a dura prova dal nubifragio di lunedì 15 agosto, si tratta di un lavoro doppio per gli operatori.

    “Messa a dura prova il territorio e la macchina comunale – dice a caldo il sindaco Francesco Casini – Operatori e forze dell’ordine sono tutti operative ed attive anche su questa seconda emergenza”.

    “Abbiamo 30 squadre in contemporanea in azione – dice – più personale di Alia e Publiacqua. Le difficoltà sono davvero tante ma anche la capacità di dare una risposta straordinaria ad una serie di eventi davvero di portata eccezionale”.

    A Tavarnelle, in piazza Matteotti, ha impattato sul mercato settimanale: anche lì attimi di paura.

    Se non avete urgenze al momento non vi mettete in strada. Se avete video inviateli in redazione.

    Su Barberino Tavarnelle è il sindaco, David Baroncelli, a fare il punto della situazione.

    “I nostri addetti – informa – stanno facendo la verifica dei danni prodotti dalla violenta tromba d’aria e temporale che si è abbattuta sul nostro comune”.

    “Al momento la situazione è la seguente – prosegue – Per quanto riguarda le strade, attenzione alla guida su tutte le viabilità comunali. Strada delle Stallacce, Vico d’Elsa interrotta. Via Leonardo Da Vinci (Sambuca) interrotta all’altezza dell’azienda EffeTi per caduta di un albero”.

    E ancora: “Strada di Tignano, attenzione per ingombro di parte della carreggiata da rami spezzati. Strada di Linari, rami spezzati su carreggiata. San Donato in Poggio: caduto lampione dell’illuminazione pubblica, via della Pineta”.

    “In corso – informa – sopralluoghi del servizio lavori pubblici e interventi di ripristino”.

    Capitolo energia elettrica: “Stiamo avendo segnalazioni di interruzioni del servizio. Segnalate al numero verde le situazioni problematiche, 803500“.

    “Siamo già in azione – conclude – per ripristinare le situazioni con nostri operai, con polizia municipale e protezione civile. Raccomando attenzione a tutti!”.

    Al momento la viabilità principale è tutta percorribile – è l’aggiornamento delle 18 del sindaco di Impruneta Alessio CalamandreiLa 222 da Grassina è stata riaperta. La viabilità secondaria risulta percorribile tranne via della Sodera e problemi su via Lunigiana”.

    “Sono caduti circa una ventina di alberi – è il bilancio – Circa una decina sono da abbattere in quanto diventati precari. Al momento risulterebbe ripristinata sia luce che acqua su tutto il territorio comunale”.

    “Un grazie – conclude – ai tecnici ed operai del Comune, ed alle squadre di protezione civile della Misericordia, Pubblica Assistenza e La Racchetta che si stanno operando per risolvere le situazioni di emergenza. Si invita a limitare gli spostamenti ed a farlo con la massima prudenza”.

    “A seguito delle forti raffiche di vento e pioggia – fanno sapere dal Comune di Greve in Chianti – gli uffici stanno monitorando la situazione, mentre squadre di operai del Comune e della polizia municipale, insieme con i volontari della Protezione civile, sono al lavoro per ripristinare le situazioni più pericolose per la viabilità”.

    “Al momento – concludono – si segnalano alberi caduti a Lamole, nel capoluogo, a San Polo, in via Mazzini (Strada), San Martino in Cecione e alcuni tetti scoperchiati a Chiocchio. Si raccomanda la massima attenzione e la massima prudenza alla guida”.

    Uno dei “fronti” sul territorio sancascianese è stato quello di San Pancrazio.

    Anche qui la violenta tromba d’aria si è abbattuta con forza. Mezz’ora di panico, con vento fortissimo e pioggia consistente. 

    Ora si contano i danni: olivi divelti, cipressi caduti, secchi della raccolta differenziata sparsi su tutti i campi e tetti scoperti. 

    La Racchetta e tutti i soccorsi hanno già iniziato a fare il giro degli interventi, ma la conta sarà lunga. 

    Anche il sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi, a metà pomeriggio ha fatto il punto della situazione.

    “Gli eventi atmosferici di questa mattina – scrive – non hanno risparmiato il nostro comune. Ci siamo subito attivati con il nostro personale e i preziosi volontari del sistema di Protezione Civile per risolvere il prima possibile le situazioni più critiche”.

    “Su tutto il territorio comunale – prosegue – è stata ripristinata la regolare viabilità. Si registrano in molte aree problemi alla rete di distribuzione dell’energia elettrica, dovuti ai numerosi alberi caduti su tralicci, cavi e cabine”.

    “Enel sta intervenendo per risolvere tutte queste problematiche – specifica – alcune di non facile soluzione. A causa della mancanza di energia elettrica, si registrano problemi anche nell’approvvigionamento idrico”.

    “Grazie ai volontari de La Racchetta e delle Protezioni Civili di San Casciano e Mercatale – conclude – per la collaborazione e gli interventi sul territorio”.

    (Ha collaborato Giada Fusi)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...