spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il presidente Trentanove: “Segnale importante del coinvolgimento della popolazione”

    Ben 48 partecipanti al corso di soccorritori di primo livello all'Associazione Volontariato Grevigiano (Avg): 48 grevigiani che adesso sanno effettuare un massaggio cardiaco, barellaggio, la manovra di Heimlich.

     

    Grande la soddisfazione per il presidente, Stefano Trentanove, che sta pensando anche ad una consegna ufficiale, assieme alle istituzioni grevigiane, degli attestati: "Intanto però – sottolinea – volevo ringraziare pubblicamente tutti coloro che hanno partecipato. Per la maggior parte poi sono stati giovani, alcuni di loro hanno appena compiuto 16 anni: sono segnali importanti per la nostra associazione".

     

    "Inoltre – prosegue – si tratta del primo corso in cui i due formatori sono stati due nostri ragazzi, Marco Sodi ed Eleonora Veltro. Un'ulteriore soddisfazione. E' stata la degna chiusura di un 2012 molto importante per la nostra associazione: tante persone ci stanno dando fiducia e questo riempie di orgoglio. Il nostro scopo del resto è sempre stato quello di formare più persone possibile: più consapevolezza c'è, maggiore è la sicurezza dei cittadini. Operiamo in un territorio molto vasto, sapere che ovunque ci sono persone in grado di effettuare manovre di primo soccorso per noi è molto importante".

     

    Entro la fine di gennaio 2013 dovrebbero partire i corsi per soccorritori di secondo livello: "Oltre trenta persone si sono già iscritte – conclude Trentanove – Speriamo di ripartire con l'anno nuovo così come abbiamo concluso con quello vecchio".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...