spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Davanti all’ospedale… il Giardino della rete di Indra

    Oggi voglio parlarvi di un giardino particolare, Il giardino della rete di Indra. Questo giardino è stato creato ed è gestito dalla mia associazione di Clown-dottori e si trova proprio di fronte all’ingresso del pronto soccorso dell’ospedale di Ponte a Niccheri.

     

    Lo abbiamo creato per tutte le persone ricoverate, per quelle che passano dal pronto soccorso e per tutta la cittadinanza in generale, affinchè ci sia un luogo dove la bellezza si mischia con la natura e porti gioia e pace agli animi di chi ci si accosta.

     

    Che possa essere di consolazione per chi ha un parente al pronto soccorso e decide di passare una parte del tempo che starà ad aspettare nel giardino o per chi, ricoverato ma con possibilità di camminare un poco, possa prendere una boccata d’aria o leggere un giornale sulle panchine ma anche per chi abbia voglia di stare mezz’ora in un giardino semplicemente perchè gli piace.

     

    Tutte e piante e gli alberi presenti nel giardino sono stati donati dalle persone e noi clown li abbiamo piantati, curati e seguiti affinchè il giardino potesse diventare ogni anno più bello.

     

    Perchè abbiamo deciso di metterci solo piante donate e perchè abbiamo deciso di chiamarlo proprio “Il giardino della rete di Indra”?

     

    C’è una vecchia parabola buddista che recita così: Nel palazzo di Indra, il re del tuono, è appesa un’enorme rete e ognuna delle innumerevoli intersezioni o nodi di questa rete è adornata da gioielli, a formare un insieme meravigliosamente complesso.

     

    Ciascuno di questi gioielli riflette chiaramente tutti gli altri gioielli nella rete, cosicchè ogni punto della rete riflette tutti gli altri.

     

    I gioielli, o nodi, e la rete simboleggiano rispettivamente ciascuna entità vivente e l’ecosistema.

     

    La rete è fissata in modo tale che la relazione sia complessa. Il fatto che ciascuna intersezione o nodo è raffigurato come un gioiello sta a significare che ciascuna entità vivente è di valore inestimabile, mentre l’azione di riflettere lo splendore degli altri gioielli rappresenta il rispetto reciproco e la profonda correlazione esistente fra ogni cosa vivente.

     

    Ogni gioiello ha un riflesso diverso dagli altri poichè ogni entità vivente è unica e a sè stante. Quindi, anche se la correlazione comprende un essere umano, egli non è l’unico gioiello espresso nella rete. Inoltre, questa rete è stabile solo finchè tutte le altre entità viventi sono in rapporto equilibrato fra loro.

     

    Ovviamente, la resistenza dell’intera rete è data unicamente dal sottile intreccio di connessioni fra le varie maglie che la costituiscono.

     

    Se la rete venisse recisa in un punto qualsiasi o privata di un gioiello, rischierebbe di crollare.

     

    In questo giardino chiunque è il benvenuto, si può stare semplicemente a sedere, leggere, osservare i fiori e le piante o decidere anche di aiutarci nella manutenzione e nella progettazione.

     

    Potete partecipare proponendovi attivamente per venire ad annaffiare ogni tanto oppure regalare delle piante da inserire nel giardino.

     

    Se desiderate partecipare o regalare una pianta potete contattarci per mail all’indirizzo info@clowncare.it.

     

    Sarebbe bello se qualcuno copiasse questa nostra idea curando uno spazio verde vicino a casa propria, una semplice aiuola, o decidesse di piantare una pianta da qualche parte, o semplicemente si prendesse cura di quelle già esistenti.

     

    Qualcuno potrebbe obiettare che è compito del comune, ma il comune siamo tutti noi, e a volte prendersi cura di qualcosa aumenta il prendersi cura di noi stessi, chi non rispetta le cose pubbliche raramente nutre un profondo rispetto perfino per sè stesso.

     

    Se non riuscite ad immaginare di cosa potreste prendervi cura chiedetevi quante volte potreste rispettare di più le cose comuni, già il non sciuparle fa parte del rispetto, ma oggi vedo poca cura delle cose comuni in generale e invece sarebbe un buon punto di partenza per attuare il concetto più profondo di “Cura” o del “prendersi cura di”.

     

    Potreste anche semplicemente piantare un piccolo ributto di una piantina che avete in casa in un piccolo vaso di plastica e poi legarla ad un palo della luce con un filo di ferro magari sulla strada che percorrete abitualmente ogni giorno per portare fuori il cane, per prendere l’autobus o per andare a lavoro, così potreste vedere ogni giorno come sta, ogni tanto annaffiarla con una bottiglietta d’acqua e vedere come cresce.

     

    A tutti noi fa bene prendersi profondamente cura di tutti gli altri con amore e nella parola altri sono inclusi anche gli animali, le piante, l'ambiente e qualsiasi altra forma di vita ed essenza e lo si deve fare cercando di mettere tutte queste realtà in contatto armonioso e gioioso l'una con l'altra perchè prendersi cura della vita favorisce la vita.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...