spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le inconfondibili fragranze del dottor Paolo Vranjes

    Di: Cecilia Barbieri

     

    Continua il grande successo delle fragranze olfattive create dal dottor Paolo Vranjes, maestro parfumeur di fama internazionale, che dall’inizio del 2011 ha voluto trasferire nel Chianti, esattamente nella zona artigianale della frazione ripolese di Antella, la sua straordinaria Antica Officina del Farmacista.

     

    Di questi ultimi tempi sono alcune novità che riguardano il prestigioso marchio. La recente apertura di un punto vendita a Shanghai: "Flagship Store Dr. Vranjes" e  l’apertura di un corner da Bloomingadale's, all'interno del Dubai Mall a Dubai negli Emirati Arabi, il più grande Mall del mondo.

     

    Sempre al 2011 risale l’inaugurazione del Flagship store di Tokyo in Giappone, dove i prodotti dottor Vranjes sono ormai riconoscibilissimi ed in costante crescita così come in Italia ed in molti paesi europei, in Russia, negli Stati Uniti. Più vicino a noi, a Firenze, i tre negozi Dr. Vranjes Antica Officina del Farmacista (via della Spada, via San Gallo e Borgo La Croce) .

     

    Un legame forte lega infatti da sempre il dottor Vranjes, alla Toscana e al Chianti, che ha scelto come luoghi d’elezione, dove stabilire la sua officina. Di origini bolognesi il dottor Paolo Vranjes decise nel 1983 che Firenze sarebbe stata la sede ideale per dare vita alla sua particolare attività.

     

    Questo soprattutto perchè Firenze ha una tradizione unica nella distillazione di essenze, grazie anche al contributo della grande Caterina de Medici, sposa del re di Francia e nota ambasciatrice dell'arte profumiera, la quale era solita portarsi alle narici un melograno odoroso, detto pomander, una preziosa sfera all'interno della quale erano racchiuse pomate ed erbe profumate, con lo scopo di rendere più gradevoli gli incontri sociali.

     

    "Sono molto legato a questo territorio – ha dichiarato più volte il dottor Vranjes – e molte delle scelte che faccio sono rivolte con attenzione proprio ad esso. Oltre a trasferire qui i miei laboratori e lo showroom, ho voluto scegliere per i packaging confezioni esclusive realizzate da aziende fiorentine, dove lavorano maestri artigiani davvero insostituibili. Ho anche creato delle particolarissime profumazioni, come la Fragranza d’Ambiente Iris e Ginestra e la Fragranza da Collezione Rosso Nobile, profumi ispirati alle colline del Chianti, che stanno avendo un successo clamoroso in tutto il mondo".

     

    In Paolo Vranjes la cultura del profumo è stata letteralmente “infusa”, come lui stesso ama raccontare. Senza esser visto, da bambino, guardava il nonno, commerciante di stoffe pregiate con la passione per le essenze, nella stanza dove conservava i profumi; essenze e profumi che ricercava meticolosamente nei suoi viaggi in tutto il mondo.

     

    "Ero letteralmente rapito – racconta – da quell'universo fatto di bottiglie preziose e trasparenti, contenenti odori rari, stimolanti e dei quali avrei tanto voluto conoscere i segreti. Da dove provenivano?

 Cosa li rendeva così speciali? E perchè miscelandoli si compiva, ogni volta, una nuova magia? Poi, un giorno mio nonno si accorse di me e, con un sorriso benevolo, m’invitò ad entrare, raccomandandomi di fare molta attenzione a non toccare nulla. A quel giorno ne seguirono molti altri. La mia passione e la mia cultura per le essenze è nata proprio in quello studio".

     

    Il segreto di tanto successo? L’uso sapiente di essenze esclusivamente naturali, una profonda conoscenza e professionalità, uniti a una grandissima passione per un mestiere antico, tramandato all’interno della famiglia.

     

    Info: www.drvranjes.it.
     

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...