giovedì 13 Agosto 2020
Altre aree

    La storia: quel pino, piantato nel Piazzone fra il ’32 e il ’36. E intitolato alla memoria di Arnaldo Mussolini

    Il racconto di Umberto Marini, detto "Cencino", e le preziose fotografie del Gruppo Culturale "La Porticciola". La nostra ricostruzione della vita del "gigante", finita mercoledì 29 luglio attorno alle 23

    SAN CASCIANO – Dopo il grande spavento per la caduta del pino di circa 20 metri, abbattutosi intorno alle 23 di mercoledì 29 luglio in piazza della Repubblica (sono rimasti feriti un uomo e una bambina), abbiamo provato a ricostruirne la storia.

    Il tutto grazie alla testimonianza di Umberto Marini, conosciuto dai sancascianesi come “Cencino”. E alle preziose fotografie gentilmente concesse dal Gruppo Culturale “La Porticciola” di San Casciano.

    “Il mio babbo – inizia a raccontarci Umberto Marini, classe 1928 – mi diceva che il pino era stato piantato nel 1922, così come gli altri alberi tutto intorno al Piazzone messi in memoria dei morti sancascianesi della prima guerra mondiale del ’15-’18 tanto che ogni albero riportava il nome del caduto”.

    In realtà, secondo la nostra ricostruzione fatta con le quattro foto gentilmente messe a disposizione da “La Porticciola”, il pino è stato piantato negli anni che vanno dal 1932 al 1936.

    1929, dove ci sarà il pino c’è quello che sembra un cedro

    “Si dice – prosegue “Cencino” che quando nel dicembre 1931 muore a quarantasei anni Arnaldo Mussolini, fratello di Benito, il Duce ordinò di piantare in memoria del fratello, presidente del Comitato Nazionale Forestale, un albero in ogni comune d’Italia”.

    Così, molto probabilmente, avvenne anche a San Casciano. Ma non subito, perché ancora nel 1932, grazie a un’altra foto de “La Porticciola”, vediamo quello che sembra un cedro in quel punto del Piazzone.

    1932, ancora il pino non è stato piantato

    “Nel 1936 – continua nel suo racconto Umberto – ricordo di aver partecipato vestito da Balilla, insieme a tanti altri sancascianesi, alla cerimonia dell’intitolazione del pino in questione ad Arnaldo Mussolini, tanto che i più anziani ancora oggi lo chiamavano… il pino di Mussolini”.

    Infatti, prima in una foto che non siamo riusciti a datare, e poi in quella di quel giorno del 1936 dedicato all’intitolazione, ecco comparire il pino in questione.

    Come ha saputo della sua caduta?

    “Mi ha telefonato mia figlia – risponde – così sono andato immediatamente a vedere cosa era successo, tanto che mentre andavo nel Piazzone in molti mi dicevano: “E’ caduto il tuo albero!”. Ma non era certo il “mio albero”, io a quella manifestazione dell’intitolazione ero andato perché obbligato”.

    Che cosa ha provato quando ha visto il “gigante” caduto?

    “Ho pensato che è andata bene, poteva succedere una vera tragedia. Il Piazzone per noi sancascianesi è un punto di ritrovo, di passeggio, di bambini e anziani che passano ore di serenità anche solo seduti su una panchina all’aria buona. Sono rimasto molto male”.

    Ringraziamo Umberto e “La Porticciola”, grazie ai quali siamo riusciti a ricostruire, almeno in parte, la storia di questo angolo di paese al centro, dalle 23 di mercoledì 29 luglio, della cronaca.

    Chi avesse altre testimonianze o, meglio ancora, foto che documentano il “percorso” del Piazzone, e in particolare di questa parte dove era collocato il pino, può inviarle a [email protected], o via Whatsapp al 3391552376.

    Ci piacerebbe, con le foto dei sancascianesi, ricostruire il legame della comunità con quest’albero. Che schiantandosi al suolo ha portato giù con sé anche molti dei nostri ricordi.

    # Crollo pino nel Piazzone, Lega e San Casciano Civica: “Gravità inaudita, l’amministrazione spieghi perché”

    # Domani diretta Facebook sulla caduta del pino: dalle 19 il sindaco Roberto Ciappi in diretta sui social

    # Crollo del pino, il sindaco Roberto Ciappi: “La salute del cittadino ferito è ciò che mi sta più a cuore”

    # Il giorno dopo: le immagini del gigante schiantato al suolo nei giardini di piazza della Repubblica

    # Quel pino che si schianta nel cuore di San Casciano. E una sera che non diventa tragedia solo per miracolo

    # FOTO / Ecco qual è il pino che si è schiantato in mezzo ai giardini del Piazzone, a San Casciano

    # Crolla un pino nei giardini del Piazzone: panico nel cuore di San Casciano. Un uomo travolto

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino