domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    VIDEO / Comune di San Casciano e Cai insieme per 90 chilometri di sentieri in terra sancascianese

    L'accordo tra l'ente ed il Club alpino per la segnatura e la manutenzione dei sentieri e per la nascita di nuovi itinerari vedrà i primi risultati fra la primavera e l'estate: il video servizio

    FIRENZE – Una rete sentieristica che si estende per 90 chilometri, con i primi percorsi già pronti entro l’estate 2021.

    Il Comune di San Casciano ed il Cai (Club Alpino Italiano) di Firenze hanno firmato un accordo per la segnatura e la manutenzione dei sentieri per riscoprire il territorio al di fuori degli itinerari turistici più battuti.

    Sant’Andrea in Percussina, Spedaletto, San Pancrazio e Santa Cristina in Salivolpe sono soltanto alcuni dei luoghi che fanno parte del progetto che sarà seguito da un gruppo di esperti del Club Alpino Italiano sezione di Firenze, che segneranno nuovi sentieri e che si occuperanno della ripulitura dei percorsi con la sfrondatura dei rami e degli arbusti.

    Sugli itinerari sarà anche installata una nuova segnatura verticale ed orizzontale con informazioni utili per gli escursionisti.

    Camminare significa approfondire lo stretto legame che intercorre tra ambiente e cultura ed ogni volta che si attraversa un sentiero si riscopre un pezzo della storia di quel territorio”, ha commentato il presidente del Cai fiorentino, Giuseppe Ciabatti.

    Camminare e respirare il contatto con l’ambiente, infatti, è un’operazione di rilievo culturale.

    Non è soltanto un’operazione per mettere in moto i muscoli, ma anche per conoscere, riscoprire ed arricchire il proprio patrimonio di conoscenze attraverso un territorio che ha molto da offrire.

    I vari percorsi, infatti, toccano luoghi simbolo del territorio sancascianese, ricchi di testimonianze del passato.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...