venerdì 7 Agosto 2020
Altre aree

    “Clangor”, il Chianti in un video musicale (bel-lis-si-mo!) di DJ Iaia (Gaia Cavaciocchi)

    Un lavoro splendido, unico, che rimanda alla radici chiantigiane, fatto da giovani del territorio pieni di passione, creatività, amore per i luoghi in cui vivono

    GAIOLE IN CHIANTI – Piccole donne crescono e vedono con occhi sentimentalmente preposti, la bellezza delicata e da preservare, dei luoghi natii.

    Un suono di cornamusa accompagna la visione del paesaggio chiantigiano, dove parole e fonzoli non servono, al cospetto di bellezza e lavoro umano sedimentato da secoli.

    Si parte dalla “Rana Beona”, scultura del compianto Plinio Tammaro, collocata a San Sano e a volo di rondine su paesaggi arditi, vigne e castelli, o sul piano di camminamento, dove la parsimonia ermetica del Chianti, è al pari per tutti.

    Il video è stato girato e montato da Eleonora e Gaia Cavaciocchi, le riprese dall’alto sono di Andrea e Fabio Rossi, musica di DJ Iaia.

    (Andrea Pagliantini)

    “Sulla radice storica del nome Chianti – si legge nella presentazione del video – c’è chi sostiene che la denominazione derivi dal latino “Clangor” , che letteralmente indicava i forti rumori delle battute di caccia e delle efferate battaglie, che qui si sono consumate dal Medioevo fino al Rinascimento”.

    “È da qui – spiega DJ Iaia – che nasce la mia idea di questo disco, che ho voluto intitolare appunto “Clangor”, poiché pieno di suoni che a me ricordavano in qualche modo un qualcosa di medioevale. E come potevo accompagnarlo se non con un video dedicato ad alcuni (tra gli infiniti) scorci spettacolari del Chianti Classico?”.

    “Un lavoro che ha richiesto molto impegno e soprattutto tempo – riprende – sia per la preparazione del disco, sia per la preparazione del video. Svariate sveglie all’alba per cercare la luce giusta nel posto giusto (come vedrete nei primi secondi di video con l’alba anche a Montegrossi), per poi continuare giorno dopo giorno a filmare tutto ciò che c’era di bello e che secondo me poteva star bene con i suoni che avevo individuato, e infine chiudere il video con il tramonto che appare in tutto il suo splendore tra le nostre colline. Pazzesco”.

    “Incastrare tutto in questi 3 minuti e mezzo è stato alquanto complicato, selezionare le immagini migliori lo definirei quasi impossibile. Il tutto con l’aiuto indispensabile di Eleonora, mia sorella, che ha sempre avuto (non solo per questa occasione) delle idee per le riprese molto originali, ed Andrea e Fabio Rossi che con il drone ci hanno regalato spettacoli dall’alto del nostro territorio, a dir poco incredibili”.

    “Ora però il giudizio finale spetta a voi – conclude DJ Iaia – Prendetevi qualche minutino di relax, rilassate la mente, e godetevi questi 3 minuti e mezzo di questo mio nuovo pezzo con cui mi auguro, con i suoni, con le immagini (o meglio se con un mix di entrambe le cose) di riuscire a farvi emozionare”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino