venerdì 25 Settembre 2020
Altre aree

    Il ritorno di Aleandro Baldi: con una nuova versione, in spagnolo, di Non Amarmi: “Non arrendersi mai”

    Cantata insieme a Carlotta Bianchini: "Ci fa ricordare quanto siamo umani e a me dà la sensazione di ritornare indietro nel tempo e sentirmi più giovane". Il video

    GREVE IN CHIANTI – Un nuovo arrangiamento di “No Me Ames”, versione spagnola della canzone “Non Amarmi”, con la quale Aleandro Baldi vinse, nel 1992 la sfida delle Nuove Proposte del Festival di Sanremo, insieme a Francesca Alotta.

    Versione spagnola che fu reinterpretata da Jennifer Lopez e Marc Anthony ed inclusa nell’album di esordio di Jennifer Lopez nel 1999, riuscendo a raggiungere la vetta delle classifiche dei brani Latini negli Stati Uniti ed in diversi Paesi del Sudamerica.

    Ottenne anche una Nomination ai Latin Grammy Awards come “Miglior performance di un gruppo o un duo”.

    Abbiamo incontrato il cantautore grevigiano, molto amato in paese, per farci raccontare questa novità. E come sta vivendo questo momento.

    “Per fortuna non ho mai perso il desiderio di cantare e far conoscere la mia musica – comincia così la nostra chiacchierata con Aleandro Baldi – anche se questi mesi sono stati difficili per tutti, a maggior ragione per il mondo artistico che fa del contatto diretto con le persone la sua prerogativa. Come altri ho sempre cercato di non mollare mai ed anzi, riuscire attraverso la nostra arte ad aiutare chi ne aveva bisogno”.

    “Forse anche con questa voglia – ci dice – durante il periodo del lockdown ho rifatto questa canzone, che mi rese molto popolare anche in altri stati, in Spagna in particolar modo, con una giovane talentuosa Carlotta Bianchini che mi accompagna nel duetto”.

    “Devo ringraziare – tiene a dire Baldi – per gli arrangiamenti Paolo Paltrinieri di Fonoplay e per la regia Maurizio Bianchini di Real Team Tv, Michele Muti e Carlo Tassan che si è reso disponibile ad interpretare il video insieme a Carlotta”.

    “Mi piace molto risentire questa canzone – prosegue Baldi – e sapere che racconta un evento a me successo ma riproposto da due ragazzi, perché le situazioni spesso si assomigliano ed in molti si possono riconoscere in questa situazione. Ci fa ricordare quanto siamo umani e a me dà la sensazione di ritornare indietro nel tempo e sentirmi più giovane”.

    “Nei prossimi mesi uscirà un nuovo album – anticipa Aleandro – ancora il nome dell’album ed il giorno della presentazione preferisco non dirli, anche perché potrebbero cambiare anche all’ultimo momento ed un po’ di suspense fa sempre bene”.

    “Credo che l’importante sia non arrendersi mai – dice con convinzione Aleandro – in questi mesi e negli ultimi anni, ho sempre dato tutto me stesso nella mia arte. Ho finito il Conservatorio, ho dato tante lezioni a giovani talentuosi, ho fatto delle serate nei locali (prima del lockdown ovviamente) e ho sempre cercato di coltivare la mia vena artistica”.

    “Questa è la “missione” che hanno gli artisti – conclude prima di salutarci – continuare a creare per regalare bellezza e riflessioni a questo mondo in continuo cambiamento e che ha sempre bisogno di un aiuto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino