mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Prolungamento agevolazioni fiscali per lavori sulla casa: anche sulla sostituzione sanitari

    Si segnala anche il rinnovo del bonus mobili connesso agli interventi di ristrutturazione, con elevazione a 16.000 euro dell'ammontare massimo di spese detraibili nella misura del 50%

    Con l’approvazione della legge di Bilancio 2020, sono state introdotte alcune novità importanti sulle agevolazioni fiscali riguardanti sia alcune di quelle già esistenti, sia altre appena introdotte.

    In particolare, in questa seconda categoria rientra il c.d. bonus idrico di 1.000 euro per la sostituzione di sanitari.

    Per quanto concerne la prima categoria, invece, si segnalano:

    • la proroga della detrazione del 65% delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2021 per gli interventi di efficienza energetica nonché per l’acquisto o posa in opera delle schermature solari di classe M, fino ad un valore massimo di 60.000 euro e delle spese per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione degli impianti esistenti, sostenute dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2021 fino ad un valore massimo di 100.000 euro;

    • la detrazione nella misura del 50% anche per le spese sostenute nell’anno 2021 per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino ad un valore massimo di 30.000 euro

    • la proroga al 31 dicembre 2021 anche delle detrazioni del 50% per interventi di recupero del patrimonio edilizio su una spesa massima di € 96.000,00 (da ripartire in dieci rate annuali).

    • Rinnovo del bonus mobili connesso agli interventi di ristrutturazione, con elevazione a 16.000 euro dell’ammontare massimo di spese detraibili nella misura del 50%

    • Prolungamento al 31 dicembre 2020 del bonus facciate del 90% (anch’esso ripartito in dieci rate annuali) su interventi di manutenzione degli edifici situati nelle Zone A e B.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    CHI SONO

    Dottor Marco Suisola nato a Firenze il 25 aprile 1978 svolge l’attività di amministratore di condominio a livello professionale dal 1999.

    Associato inizialmente alla Federazione Nazionale Amministratori fino al 2015 per poi diventare socio fondatore della Confartamministratori, nella quale ha rivestito la carica di tesoriere e parte integrante del CDA. Di recente è iscritto anche all’associazione Gesticond.

    Svolge con regolarità l’aggiornamento professionale previsto per normativa dalla legge 140/2014 . Ha conseguito la qualifica di Revisore condominiale nel 2017.

    Conseguito attestato per corso di formazione e aggiornamento professionale in diritto condominiale presso l’Università di Firenze nell’anno 2006. Frequentato il corso per ottenere la qualifica di consulenze tecnico di ufficio in ambito condominiale nell’anno 2014.

    A dicembre 2018 ha conseguito la laurea triennale in scienze dei servizi giuridici come esperto giuridico immobiliare. Ad oggi il mio studio è composto da 8 dipendenti il sottoscritto un collaboratore e due tecnici interni.

    Ci avvaliamo di tutti gli strumenti che possono garantire una copertura ed una flessibilità dei servizi e garantiamo una reperibilità di 7 giorni su 7. La società ha sede in via Fontebuoni 4/6 Firenze: www.marcosuisola.com.

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...