spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Occhi azzurri e sguardo al futuro: Gemma, un’estate da Miss in attesa di iniziare l’Università

    Incontriamo Gemma Padula, 18 anni, di Bagno a Ripoli, nominata Miss Montevarchi nei giorni scorsi, già fra le finaliste di Miss Toscana verso... Miss Italia. E il cinema come sogno nel cassetto

    BAGNO A RIPOLI – Domenica 4 luglio, alle selezioni di Miss Italia a Montevarchi, ha trionfato Gemma Padula, accedendo così direttamente alle finali regionali.

    Gemma è una bellissima diciottenne di Bagno a Ripoli si è diplomata quest’ anno, al Liceo Machiavelli (Firenze) economico sociale.

    “Non vedo l’ora di iniziare l’università – inizia a raccontarci – per conoscere nuove persone e ambienti. Vorrei intraprendere economia dello sviluppo, ossia un nuovo ramo dell’ economia legata molto all’ aspetto ambientalistico”:

    Nonostante la giovane età Gemma è molto decisa: “Le miei ambizioni al momento sono di laurearmi con buoni voti e, magari, fare un master in business administration. Sono progetti molto ambiziosi e lunghi, ma sono pronta”

    Invece, per quanto riguarda il futuro più prossimo ci confessa che “quest’ estate avevo in mente di viaggiare, ed in particolar modo mi piacerebbe andare a consolidare il mio francese in Costa Azzurra, dove starei due settimane da sola”.

    “Invece con l’ inglese invece sono avvantaggiata – ci dice – perché mia madre è americana, e proprio perché questo motivo sono in possesso di doppia cittadinanza”.

    Ho viaggiato tanto – spiega – con mia madre e miei fratelli e ho avuto l’opportunità di conoscere molti paesi, specialmente negli USA, Asia ed Europa”.

    Oltre alla laurea e ai viaggi, Gemma ha anche altre ambizioni: “Ho un altro sogno nel cassetto da molto tempo – ci confessa – ossia il cinema. In particolar modo il cinema italiano, che mi ha sempre affascinata. Per questo motivo vorrei provare a cimentarmi nel grande schermo”.

    Invece, per quanto riguarda l’esperienza come Miss Montevarchi appena vissuta: “Dopo un anno e mezzo così difficile per tutti, ma in particolar modo per i giovani, il concorso di Miss Italia mi è sembrato un modo stupendo per tornare alla vita” racconta. 

    “Un cenno di normalità – rimarca – in un periodo che per lungo tempo è stato anomalo, o comunque diverso da tutti gli altri. Quindi ho pensato di provarci anche solo per assaporare qualcosa di bello anzi bellissimo e soprattutto nuovo per me”.

    “Inoltre – prosegue – non è solo un concorso serio e professionale ma anche una vetrina e un trampolino di lancio per cinema e moda. Proprio per queste ultime caratteristiche, a mio avviso, può essere considerato il concorso più ambito”.

    “Per me vincere vorrebbe dire arrivare alle stelle – ammette – ma anche solo partecipare è già moltissimo. L’esperienza della scorsa settimana per me è stata uno shock vero e proprio: non mi aspettavo assolutamente né di vincere né di essere classificata”.

    “Ci speravo ovviamente – conclude Gemma – ma non avrei mai creduto di farcela. Infatti mi ci è voluto qualche istante quando hanno annunciato la vincitrice, perché pensavo di aver frainteso. Per me è stato un onore e una grandissima gioia inaspettata: e per questo ringrazio tutti per questa splendida occasione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...