domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    VIDEO / Le prime telefonate al nuovo numero unico della continuità assistenziale

    Una volta si chiama guardia medica: adesso è raggiungibile da tutti i comuni di Firenze, Prato e Pistoia allo 0573 454545

    FIRENZE – E’ attivo da lunedì 29 marzo il nuovo numero 0573 454545 per le chiamate non urgenti territoriali. Quella che una volta veniva chiamata guardia medica.

    Il nuovo numero è entrato in funzione con l’istituzione della nuova Centrale Operativa di Continuità Assistenziale 

    Il Numero Unico 0573 454545 è al servizio di tutti gli ambiti territoriali dell’Azienda USL Toscana centro: Empoli, Firenze, Pistoia e Prato. 

    La nuova Centrale è stata collocata all’interno della sede della Centrale Operativa Emergenza Urgenza 118 di Pistoia-Empoli. 

    Lo 0573 454545 va in pratica a sostituire i vecchi numeri della ex guarda medica in tutti i territori dell’Azienda.

    I cittadini, quando chiameranno il numero unico, saranno messi in contatto con la postazione di continuità assistenziale di riferimento territoriale.

    Tre di giorno e due di notte gli operatori che saranno contemporaneamente in turno nelle postazioni tecniche, garantendo accoglienza telefonica e collegamento con i medici della Continuità assistenziale.

    Per dare le adeguate risposte ai bisogni di assistenza primaria (cure non urgenti) ai cittadini in orari in cui non sono presenti i medici e i pediatri di famiglia.

    Dalle ore 20 alle 8 tutti i giorni; sabato, domenica e festivi dalle 8 alle 20; prefestivi dalle 10 alle 20.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...