spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    PagAdvisor: che ne direste di una sorta di TripAdvisor per chi non paga le fatture e i fornitori?

    Ma quanto sarebbe utile un PagAdvisor? Una sorta di TripAdvisor in cui, fatture e mancati pagamenti alla mano, le aziende segnalano chi non paga?

    Ci riflettevo l’altro giorno, mentre la nostra società indicava al commercialista di non considerare più i soldi dovuti da un cliente che da anni non paga alcune fatture.

    Così, dopo aver tentato tutte le strade, aver speso anche altri soldi fra avvocato e spese di rito (bolli, contro bolli, contro contro bolli), ci siamo arresi.

    Fortunatamente per noi sono casi rarissimi, quasi unici. Lavoriamo con clienti corretti, aziende corrette, che saldano quanto dovuto.

    Magari ci possono essere ritardi, ma ci si viene incontro senza problemi quando si parla con sincerità e correttezza.

    Sempre più spesso però mi trovo a parlare con imprese, aziende, che si trovano con decine e decine di clienti che, strutturalmente, non pagano.

    Non c’è una difficoltà specifica (anche se ormai il Covid è diventata per molti una sorta di foglia di fico, magari con fatture fuori dal 2018, 2019…): c’è, soprattutto, un modus operandi che riversa sui fornitori difficoltà, tempo perso, arrabbiature, problemi di liquidità.

    E allora, mi sono detto, ma quanto sarebbe utile un PagAdvisor? Una sorta di TripAdvisor in cui, fatture e mancati pagamenti alla mano, le aziende segnalano in modo pubblico e trasparente chi non paga? Con tanto di recensioni?

    Quanto sarebbe utile per chi si trova richieste da chi non conosce poter avere uno strumento che possa metterlo sul chi vive? Che possa dirgli: occhio a quel cliente?

    Anche perché qui non si scappa (a meno che non ci sia di mezzo il “nero”): se a fattura emessa non corrisponde pagamento effettuato (assegno, bonifico bancario, contanti registrati) c’è poco da dire. Sono fatti incontestabili.

    E anche perché, e lo dico con certezza, ognuno di noi, anche i clienti finali, avrebbero solo giovamento da un sistema che finalmente diventa premiante per chi si comporta in maniera corretta. E squalificante per chi fa il furbo.

    E se un po’ in questi casi funziona il passaparola (“Lascialo fare quello, prende il materiale e poi ti lascia appeso…”), moltissimo funzionerebbe PagAdvisor.

    Voi cosa ne pensate?

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...