Sabato 20 ottobre 2018  6:09
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
LETTERE E SEGNALAZIONI
13.03.2018
Di
Andrea Pagliantini
"Ztl non rispettata. Nella Berardenga alta una situazione insostenibile"
immagine

Gentile redazione, nella Berardenga, ovvero nella sua parte più alta, stretta, bella e antica, c'è di fatto una situazione molto difficile da affrontare per una parte dei residenti ligi e civili, rispettosi delle regole, succubi di "cinghiali a due gambe" che se ne fregano del rispetto e delle esigenze altrui.

 

Parcheggiando davanti agli accessi alle abitazioni, ai garage, impedendo persino l'accesso ai mezzi di soccorso e alla forze dell'ordine.

 

In Comune non si ascoltano queste istanze, anzi, anche i carabinieri trovano serie difficoltà a relazionarsi con l'amministrazione locale e vari problemi, da questo ad altri veramenti più seri e complicati, rimangono irrisolti.

 

Da cittadino amante dei luoghi in cui vivo me ne infischio delle beghe e delle polemiche politiche, questo è un caso di civiltà che vessa da troppi anni tutta una serie di persone che meritano di avere un quotidiano meno complicato.

 

Il primo dovere di un politico è servire e non essere servito, avere sensibilità e capacità di ascolto, di sintesi e di azione, la capacità di realizzare i sogni senza l’ossessione per la carriera, il relazionarsi con le cose non vanno nel proprio territorio, anche mettendosi di traverso all’inciviltà delle persone, anche di quelle che magari lo hanno votato.

 

Non sono solo i cittadini ad avere il problema di essere ascoltati e capiti (essendo il Comune l’ovvio interlocutore istituzionale, non i colonnini della chiesa, le panchine della piazza, le sezioni di partito locali e provinciali) anche le forze dell’ordine si trovano a sbattere sul medesimo muro di gomma, sia che si tratti della famosa Ztl fantasma ridotta a parcheggio, sia che si tratti di problemi molto più gravi e urgenti che rimangono perennemente irrisolti.

 

Andrea Pagliantini

Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti
Devi segnalare un disservizio? "Tirarci le orecchie" per un articolo?
Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua?

Puoi farlo anzi... devi!
Sono tantissime le mail che riceviamo ogni giorno dai nostri lettori: che diventano spunto per articoli oppure vengono pubblicate sul nostro giornale.

Per farlo hai due possibilità:

Scrivi direttamente cliccando sul bottone qui sopra e compilando il "form", che indirizzerà direttamente la tua email alla redazione del Gazzettino del Chianti.

Oppure, puoi scrivere una mail a redazione@gazzettinodelchianti.it
ARCHIVIO LETTERE