spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Raccontami una Storia”: una pelliccia di visone, un salto indietro nel tempo. Ma anche…

    "È così pesante, troppo calda e poi… pensa a tutte quelle povere bestioline morte…”. Guardo le maniche ampie, le pieghe. Me la tolgo d’addosso e, lentamente, la lascio scivolare a terra...

    “La Pelliccia di visone”

    di Grazia Becciolini

    “Nonna Matilde, posso salire in soffitta?”.

    “Certo cara, ma cosa credi di trovare..?”, risponde mia nonna, con un mezzo sorriso.

    Salgo la stretta scaletta e mi ritrovo circondata da un caos impensabile.

    Polvere, ragnatele, scatole e vecchi oggetti tutti accatastati.

    È un luogo magico, dove vivono cose che molti hanno dimenticato. Io sono una esploratrice.

    Da una finestrella una luce illumina un grosso baule. Mi avvicino, lo apro e…

    Sorpresa! Un bellissimo cappotto di visone appare davanti ai miei occhi.

    Tutta contenta lo indosso. È morbido, lungo, mi avvolge completamente.

    Apro le braccia, le due maniche sono larghe come le ali di un’aquila, le muovo e… Spicco il volo!

    Vette innevate, vento, pioggia, e io nel tiepido calore del mio visone volo indietro nel tempo.

    Vedo mia nonna bella, elegante, a braccetto a mio nonno, con la sua pelliccia e penso a come sarà stata contenta di indossarla in quei giorni invernali, lontani.

    Apro gli occhi, torno al presente, e scendo giù dalla nonna con addosso la pelliccia.

    Le dico, entusiasta: “Ma nonna… è magnifica! Perché non me l’avevi mai fatta vedere?”.

    La nonna mi guarda, attenta.

    Dopo qualche minuto di silenzio mi risponde, con voce calma: “Se vuoi la puoi tenere. È un regalo di tuo nonno, ma per me è sempre stato un incubo indossarla. È così pesante, troppo calda e poi… pensa a tutte quelle povere bestioline morte…”.

    Guardo le maniche ampie, le pieghe.

    Me la tolgo d’addosso e, lentamente, la lascio scivolare a terra.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    “Raccontami una Storia” è curata da Sabrina Nesi, scrittrice e insegnante di Scrittura Creativa.
    I racconti sono scritti dagli allievi ed allieve che partecipano, o hanno partecipato, ai laboratori di scrittura organizzati da Sabrina.
    Nei laboratori si imparano tecniche narrative e ci si esercita per trovare idee e spunti per scrivere.
    Sabrina Nesi, curatrice di “Raccontami una Storia”
    Al momento i Corsi di Scrittura Creativa sono tenuti online. Per informazioni scrivere a: sabrina.nesi@lovefromtuscany.com, o chiamare il numero 3341829607.
    Sabrina Nesi è laureata in Letteratura Italiana e ha conseguito un Master in Scrittura Creativa all’università di Siena nel 2006.
    Da allora ha sempre scritto e tenuto vari laboratori di scrittura, collaborando con varie associazioni, tra cui la Università Popolare di Firenze e l’Associazione Il Ponte di Empoli.
    Ha una guida-blog sulla Toscana in lingua inglese: lovefromtuscany.com.

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...