mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Massimiliano Pescini in Regione, esulta il Pd di San Casciano: “Tanti fattori per questo risultato”

    Il commento del segretario comunale David Malquori: "Un grande grazie anche ai colleghi del Pd Chianti. Le 8.264 preferenze in questo territorio parlano chiaro"

    SAN CASCIANO – “Una gioia immensa! Innanzitutto dobbiamo dire questo. Le elezioni regionali 2020 ci consegnano la vittoria di Eugenio Giani e l’elezione nel consiglio regionale di Massimiliano Pescini. Un risultato, quello di San Casciano molto sopra la media con un dato, quello del Partito democratico nel nostro comune di 4.799 voti (55,07%) e 3.691 preferenze per Massimiliano”.

    Esulta David Malquori, segretario comunale del Partito democratico di San Casciano, dopo la notte che ha consegnato a San Casciano e al Chianti fiorentino un risultato storico.

    “Un risultato – prosegue Malquori – arrivato nonostante la presenza di altri tre candidati della destra sancascianese, Enrico Farina, Eleonora Leoncini e Luigi Venzi, quest’ultimo anche capolista ma con un numero di preferenze a San Casciano pari a circa un ottavo rispetto a quanto raccolto come candidato sindaco poco più di un anno fa”.

    “Il nostro territorio è finalmente rappresentato in Regione – riprende Malquori – e lo sarà con una figura di enorme spessore, competenza, sensibilità come Massimiliano Pescini. Una figura la sua, certamente decisiva per il risultato eccellente del Pd sancascianese, capace di catalizzare voti anche in modo trasversale e da altre forze del mondo del centrosinistra con un elettorato maturo da comprendere la grande occasione di avere un rappresentante, e che rappresentante, in consiglio regionale”.

    “Un risultato – aggiunge Malquori – figlio anche di altri fattori: intanto una campagna elettorale certamente impegnativa, nella sua brevità, ma che è stata molto molto accurata, capillare e che ha visto mobilitarsi un grande numero di volontari e militanti, che ringraziamo di cuore per la grande generosità ed enorme impegno dimostrato. Un’ulteriore riprova del fatto di essere una grande comunità di donne e uomini unite da valori e idee”.

    “Altro aspetto determinante – rimarca – è il lavoro dell’amministrazione a guida Roberto Ciappi. A poco più di un anno dall’elezione, si percepisce , ed i risultati si vedono, grande fiducia e apprezzamento per questa giunta, che sta proseguendo il grande lavoro di quelle Pescini, in un contesto di grande difficoltà come quello di questo 2020. E lo stesso dicasi per il gruppo consiliare di maggioranza, fatto di tante persone che sono dei punti di riferimento per questa comunità”.

    “Anche qui i risultati parlano chiaro – rivendica Malquori – tra chi quotidianamente svolge un ruolo di grande attenzione alla comunità e magari badando poco alla visibilità personale, rispetto a chi interpreta il proprio ruolo in altro modo e con altre aspirazioni ma con risultati palesemente sotto gli occhi di tutti”.

    “E soprattutto – tiene ancora a dire – un grande grazie a tutti i colleghi del Pd Chianti. Consapevoli della grande opportunità di avere un candidato di questo livello, uniti anche dalle istanze comuni, abbiamo formato questo coordinamento Pd Chianti con le unioni comunali di Barberino Tavarnelle, Greve, Impruneta e Bagno a Ripoli, lavorando insieme tra segretari e sindaci, facendo sì che si concretizzasse un programma comune, una candidatura forte e tante iniziative insieme”.

    “E le 8.264 preferenze nel Chianti – commenta – sono lo specchio di questo straordinario lavoro”.

    “Quindi – conclude – un grande grazie per la fiducia e un grandissimo in bocca al lupo a Massimiliano ed al presidente Giani. Saremo qui al vostro fianco in questa nuova ed affascinante avventura”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...