spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Intervista al candidato sindaco: “Ci ha fatti diventare il parente povero di Firenze”

    BAGNO A RIPOLI – Consigliere comunale uscente, è Massimo Mari il candidato sindaco di Forza Italia a Bagno a Ripoli.

     

    Mari, come nasce la sua candidatura a sindaco per Forza Italia? Non si può negare che all'interno del partito a Bagno a Ripoli abbia agitato le acque…

    "La mia candidatura non nasce ora ma nel tempo, nelle due legislature in consiglio comunale 2004-2009; 2009-2014, trascorse con centinaia di interrogazioni, mozioni e ordini del giorno,  che riguardavano  tutte, ripeto tutte, problemi di territorio, piccoli e grandi senza nessuna distinzione. Per questo il mio partito, Forza Italia, ha deciso la candidatura del sottoscritto, semplicemente perché sono una persona del territorio e che lo conosce bene. Mi sembra che sia la cosa giusta e che tutti i partiti dovrebbero seguire, invece di personalismi inutili e primarie politicamente ridicole perché alla fine sono sempre i partiti a decidere i candidati".

     

    Dopo la "sbandata" che l'aveva spinto verso la lista civica Insieme per Bagno a Ripoli è contento del ritorno "a casa" di Alberto Briccolani?

    "Alberto Briccolani che ritorna con noi? Molto bene, il nostro partito è aperto e libero  e non è una caserma, se lo fosse sarebbe uguale al Pd".

     

    Se guarda le altre forze in campo, oltre a Casini teme di più la lista civica di Locardi o il Movimento 5 Stelle?

    "Chi temo di più delle liste in campo? Nessuna, perché conosco i nostri progetti per la comunità ripolese, che vanno nella direzione giusta e saranno apprezzati".

     

    Passiamo alle cose concrete: tre temi forti che guideranno la sua agenda nel caso diventasse sindaco di Bagno a Ripoli.

    "I tre temi che guideranno la mia agenda eventuale da sindaco? In realtà sarebbero sei: sicurezza, sviluppo economico, infrastrutture, qualità della vita, ambiente e welfare. Il programma completo è in stampa e sarà a disposizione quanto prima per la comunità: per ora è sull’albo pretorio in Comune".

     

    Come ha governato il Pd in questi anni e perché lei ritiene che sia alla fine di un ciclo?

    "Come ha governato il PD in questi decenni? Basta guardarsi attorno: promesse non mantenute, una criminalità aumentata con reati di qualsiasi tipo che vanno purtroppo ad incidere negativamente sullo sviluppo economico e l’occupazione, infrastrutture pari a zero. Montagne di burocrazia inutile, nessuna attenzione per l’ambiente, spreco di denaro pubblico, troppi divieti, tasse salate in cambio di scarsi servizi, arroganza politica e nessun vero rapporto con i cittadini. Per questo ritengo che sia alla fine del suo ciclo il Pd".

     

    Se dovesse rivolgersi a chi ancora non ha deciso chi votare alle amministrative, gli spiega perché dovrebbe votare per lei?

    "Agli indecisi dico di votare noi perché abbiamo i progetti e la volontà politica di far sì che il nostro comune non sia più il parente povero di Firenze, ma una comunità prosperosa, in particolare per i giovani che al momento sono senza futuro. Siamo sicuri di fare molto bene nell'interesse comune: i discorsi e le foto sui giornali li lascio agli altri".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...