spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Siccità, sopralluogo di Nardella a Bilancino: “L’invaso sta salvando tutta l’area metropolitana di Firenze”

    "Intensificati gli investimenti sulla rete idrica per diminuire la dispersione. Abbiamo 20 milioni di metri cubi in più di acqua che altrimenti sarebbe andata perduta"

    FIRENZE – Il sindaco di Firenze e della Città Metropolitana di Firenze, Dario Nardella, ha compiuto ieri, martedì 21 giugno, un sopralluogo al lago artificiale di Bilancino, nel Mugello.

    Un invaso che, ha detto Nardella, “sta salvando tutta l’area metropolitana di Firenze. Se non fosse per questa opera, i cui meriti sono della classe politica degli anni ’80, regionale e locale, oggi avremmo una situazione di emergenza terribile, peggiore della grande siccità del 1985”.

    “Sono stati intensificati gli investimenti sulla rete idrica per diminuire la dispersione – ha aggiunto – grazie a questi interventi abbiamo 20 milioni di metri cubi in più di acqua che altrimenti sarebbe andata perduta. Complessivamente nel bacino abbiamo circa 65 milioni di metri cubi di acqua disponibili su un totale di 69, la situazione è relativamente tranquilla e positiva”.  

    Nell’area metropolitana al momento “non abbiamo le condizioni per dover firmare ordinanze – ha spiegato Nardella – Tuttavia facciamo appello al buon senso e all’attenzione di tutti i cittadini per ridurre al massimo l’uso domestico dell’acqua”.

    “Non sappiamo quanto durerà questa siccità – ha ammonito – se si dovesse protrarre per tutta l’estate e oltre, come successo per esempio nel 2017, dobbiamo prepararci e stare molto attenti. Se oggi siamo tranquilli è perché c’è stata una gestione molto oculata di tutto il sistema negli scorsi mesi, dobbiamo continuare su questa strada”.

    Nel frattempo “Publiacqua – ha specificato – è attrezzata per approvvigionare i piccoli acquedotti con le autobotti nel caso in cui dovesse perdurare la siccità. Bisogna anche dire che se ci fossero stati i comitati del “no” allora oggi moriremmo tutti di sete. Sono gli stessi comitati che bloccano altre infrastrutture, come il rigassificatore di Piombino, e dovrebbero riflettere sull’importanza di infrastrutture che servono per l’approvvigionamento di risorse come acqua, energia”.

    “Qui parliamo di uso domestico dell’acqua – ha evidenziato il sindaco metropolitano – rimane alta l’attenzione e la preoccupazione per quanto riguarda l’agricoltura: tuttavia possiamo essere tranquilli sul fatto che la rete idrica è molto efficiente. Con gli investimenti dei prossimi anni, inclusi quelli del Pnrr, noi arriveremo al 2024 a circa il 34% di perdite e ancora meglio andrà nel 2025”.

    “Se pensiamo che fino a pochi anni fa la rete idrica dell’area metropolitana fiorentina perdeva la metà di acqua disponibile – ha ricordato – ci rendiamo conto dei grandi passi fatti in avanti. Per questo credo che i cittadini possano essere comprensivi quando vedono i cantieri per rifare le tubature perché tutto questo si collega alla situazione terribile di siccità che stiamo vivendo”.

    Con Nardella, a Bilancino, erano presenti anche il presidente di Publiacqua Lorenzo Perra e il sindaco di Barberino di Mugello Giampiero Mongatti.

    “E’ piovuto molto meno, il 38% in meno rispetto alla media degli ultimi anni – ha detto Perra – E’ stata fatta una accurata programmazione dei rilasci, l’invaso è pieno. Abbiamo ridotto perdite per 20 milioni di metri cubi, è un terzo della dimensione del lago quello che ogni anno recuperiamo. E’ l’esito di una lunga programmazione che le amministrazioni hanno saputo garantire. Ciò consente una certa tranquillità ai cittadini”.

    “Abbiamo 7 mila km di acquedotto – ha detto ancora – Abbiamo investito 100 milioni l’anno, di cui 30 per il recupero perdite. Abbiamo costruito un acquedotto interconnesso, dall’Anconella al Chianti, e si va a Pistoia passando per Prato. Ciò consente di avere infrasrutture strategiche cetralizzate che rilasciano l’acqua al territorio”.

    Invaso di Bilancino e rete idrica, il punto della situazione

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...